*Linux Guide

Astronomix

Premessa

Tra le centinaia di distribuzioni disponibili per diversi impieghi e finalità, molte sono dedicate all'ambiente scientifico e tra queste ce n'è una dedicata precipuamente all'astronomia ed allo studio delle stelle. Si chiama Astronomix ed è il tema di questa recensione.
Vediamo insieme cosa la contraddistingue.

Nome e Tipologia

Astronomix è una distribuzione Linux, live non installabile, derivata da Debian, per architetture i686 e dedicata principalmente ad utenti desiderosi di avere una distro dedicata all'astronomia ed alla ricerca scientifica in ambito astronomico.

Test

Il test è avvenuto su un laptop BenQ R23E. Non è stato necessario modificare i parametri di avvio e tutto l'hardware è stato adeguatamente riconosciuto e configurato. Delle due stick memory USB applicate al computer, solo una è stata riconosciuta ed ha funzionato.

  • Riconoscimento e caricamento del kernel = OK
  • Efficacia dei tasti funzione = OK
  • Avvio del server X = OK
  • Risoluzione video = OK
  • Opzione lingua italiana = OK
  • Opzione tastiera italiana = OK
  • Automount dei dispositivi = NO

Opzioni e Tempi di caricamento

Una volta inserito il CD nel lettore e riavviato il pc, si accede ad una schermata semigrafica nella quale sono presenti numerosissime opzioni di avvio. I tasti funzione disponibili all'azionamento sono :
F1 Help per aiuti di vario genere al boot ed alla configurazione soggettiva del sistema.
F2 Language per la lingua (tra cui l'italiano)
F3 Silent per le modalità di visualizzazione del caricamento
F4 Screen per la risoluzione del monitor (che nel mio caso era già selezionata per 1024x768).
Io mi sono limitato a scegliere la lingua italiana ed a premere il tasto Invio per dare avvio al caricamento.
Questo viene opportunamente occultato da una bella schermata grafica con barra di caricamento di colore arancio tenue.
Non sono richiesti settaggi intermedi ed il caricamento rallenta vistosamente in occasione della configurazione del server DHCP.
Il caricamento dell'ambiente grafico è molto rapido e si giunge alla scrivania in breve tempo. L'intero sistema ha richiesto circa 3 minuti per giungere a caricamento completo.

Ambiente grafico ed Aspetto

Astronomix è una distribuzione live che ha scelto Xfce (nella versione 4.4.1) per la gestione della scrivania. L'aspetto generale è ottimo e lo sfondo della scrivania è adeguatamente in tema mostrando un cielo stellato con il logo di Debian ben grande e la scritta Astronomix a ridosso del logo. Il pinguino Tux si trova seduto sulla sagoma di un pianeta posto nell'angolo inferiore destro.
Le icone presenti sulla scrivania sono solo 2, il cestino e l'icona del filesystem.
Nella parte alta dello schermo si trova la taskbar con, a destra, il pulsante di accesso rapido alla scrivania e il pager a quattro desktop virtuali.
Nella parte bassa si trova il dock con le icone per il menu principale (raggiungibile con il tasto del mouse cliccato in un area vuota del desktop), per Kstars (un planetarium molto carino), per Stellarium (una mappa celeste), per Qastrocam (per catturare immagini dalla fotocamera astronomica), per Siril, per il terminale, per Mousepad, per il FileManager e per Iceweasel il browser web. Alla estrema destra si trova l'orologio.
Le finestre delle applicazioni sono decorate in tema 'Aqua' tipico di MacOS X ed è una decorazione molto carina.
Non c'è il supporto al desktop 3D di Compiz.
In conclusione Astronomix è un sistema esteticamente carino, molto ordinato, pulito.

Dotazioni software

Astronomix è un sistema dichiaratamente orientato a fornire all'utente quegli strumenti adatti alla ricerca in ambito astronomico e scientifico e mancano quindi i programmi che poco hanno a che fare con questa finalità. Mancano i giochi e l'ambito multimediale è assai ristretto, come ristretta è la dotazione di software per l'ufficio.
Vediamo quindi un elenco parziale degli strumenti dedicati all'astronomia e che, nel menu principale, hanno una voce appositamente dedicata :

  • Siril
  • Kstars - un planetario
  • Stellarium - Mappa celeste
  • Qastrocam - cattura di immagini da fotocamera astronomica
  • Xephem - Studio delle Efemeridi
  • Spacechart - Carta spaziale 3D
  • SSystem - I pianeti e i satelliti del Sistema solare
  • Starplot - Collocazione dimensionale dei corpi astrali
  • Stars - Le stelle del firmamento
  • Xorsa - Ricostruzione, analisi e simulazione di orbite
  • OpenUniverse - Il pianeta Terra
  • GPredict - Le orbite satellitari artificiali
  • Celestia - La volta celeste da visitare

Accanto a questi strumenti dedicati, abbiamo programmi classici come GIMP, Cinepaint, MPlayer, Xfmedia, gFTP, Iceweasel e tanto altro ancora.
Insomma Astronomix è un sistema operativo specializzato, ma espandibile a piacere anche grazie al magnifico gestore dei pacchetti Synaptic.

Usabilità

L'usabilità di questo sistema è più che buona, ma la sua specializzazione lo rende un sistema per precisa utenza e mal si addice a principianti. Il menu è diviso in modo che si possa creare un pochino di confusione. In due sezioni differenti ci sono molti degli stessi programmi e questo crea un pochino di disagio. I programmi contenuti alla voce 'Xfce' sono presenti anche nella voce 'Applications', ma in quest'ultima ci sono programmi che non si trovano nell'altra sezione.
Anche la gestione dei pacchetti è strana. C'è sia Synaptic che Xfp, ma su due voci differenti del menu.
Per il resto il sistema può essere comodamente personalizzato e adattato e la sua usabilità è buona.

Pregi

  • Derivata da Debian
  • Specializzazione molto interessante
  • Rapidità di caricamento
  • ordine e pulizia

Difetti

  • Non installabile
  • Strumenti non tutti provvisti di adeguata documentazione
  • Menu principale suddiviso non bene

Links utili

Conclusioni

Astronomix è un sistema specializzato e questo lo pone un po' fuori dai circuiti delle distro più blasonate, ma per chi è interessato ad un preciso ambito scientifico, potrà trovare degli strumenti di sicuro interesse.
Complimenti al team di sviluppo.

Indice | Torna in alto