*Linux Guide

GrafPup

Premessa

Grafpup è un progetto americano di una distribuzione Linux basata su Puppy Linux e questo suo progenitore, se ci fosse ancora il bisogno di rimarcarne le ottime caratteristiche, mostra di essere da sempre un ottimo progetto.
Mi accingo a recensire questa distribuzione che fin dalle sue prime uscite nel mondo Linux ha mostrato vitalità e impegno.
Ho scaricato la ISO dal sito relativo e l'immagine ha un ingombro di soli 105.5 MB. Ho proceduto a masterizzare un CD con GnomeBaker. A fine masterizzazione il programma mi ha senalato un errore ed ha dichiarato il CD inutilizzabile, tuttavia ho proceduto ugualmente ad usarlo e visto che ha funzionato alla perfezione, l'avviso si è rivelato infondato.

Nome e Tipologia

Grafpup una minidistribuzione Linux live/installabile, basata su Puppy Linux (Slackware), orientata al desktop ed all'impiego in ambiente grafico e multimediale. Dotata di kernel 2.6.20.2 è adeguata per processori i686.

Tempi di avvio e Opzioni

Sia con l'emulatore che con il CD, l'avvio del sistema è abbastanza lento e ci vogliono circa due minuti per avere il sistema pronto all'uso.
Appena avviato il CD compare una schermata testuale con numerose opzioni relative all'abilitazione di servizi e moduli. Dopo 5 secondi si avvia automaticamente la seduta di default e così ho atteso.
Il caricamento del sistema viene mostrato in una schermata semigrafica dove solo la parte inferiore è riservata allo scorrimento dei vari processi di avvio.
Al momento di avviare 'X' il sistema chiede di configurare la tastiera, di scegliere il server grafico (Xorg o Xvesa), di scegliere la risoluzione o il tipo di monitor e la relativa risoluzione. Fatto ciò si accede alla schermata di login dove è sufficiente digitare 'grafpup' sia come userID che come password per accedere alla scrivania del sistema.

Caricamento del sistema

Ambiente grafico e Aspetto

Grafpup è esteticamente un sistema molto carino, basato sul Desktop Manager OpenBox che sostituisce il precedente JWM. Lo sfondo dlla scrivania mostra il logo della distro su uno sfondo celeste molto chiaro ed il tutto è luminoso e ben definito. Sette icone di medio-grandi dimensioni popolano la parte alta dello schermo (Home, Help, Setup, Drives, Rxvt, Leafpad, Trash).
La posizione del dock ricorda vagamente l'aspetto grafico di Xfce ed in esso ci sono le icone per accedere al vasto menu, per accedere rapidamente alla scrivania, per accedere alla Home, per lanciare il browser, per lanciare il terminale. Nella parte sinistra del dock si visualizzano lo stato della memoria disponibile, il carico di lavoro della CPU e l'orologio che, a diversità di altre distro, si sincronizza perfettamente con l'ora locale.
Nell'angolo inferiore destro della scrivania è posto il mixer per il volume dove si può impostare sul volume e sul bilanciamento.
L'apertura di uno strumento come Bluefish - con il quale ho scritto questo articolo direttamente in Grafpup - mostra che la decorazione delle finestre è sobria, carina e assolutamente moderna.
Due parole vanno spese per il menu principale che può essere aperto in due modi. Uno cliccando su un area libera del desktop con il tasto destro del mouse, l'altro cliccando sull'icona posta nel dock. Nel primo caso il menu ha un aspetto minimalista e privo di icone, nel secondo il menu mostra font più grandi e le icone relative ai vari programmi ed alle sezioni nelle quali è suddiviso il menu stesso.

il desktop

Dotazioni software

Grafpup deriva da Puppy e da questo sistema eredita la ricchezza delle dotazioni. Oltre a quello che offre Puppy, Grafpup - essendo una distro orientata alla produzione ed alla fruizione di file grafici e multimediali - offre un particolare set di strumenti atti al raggiungimento di queste finalità. Vediamo quindi, a grandi linee, quello che offre questa bella distro.
Accedendo nel menu principale, questo risulta essere suddiviso in settori :

  • System
    • GCrontab per la pianificazione delle azioni del computer
    • Xpdq per il settaggio e l'uso di una stampante
    • GParted per la gestione dele partizioni
    • Gpkgtool per la gestione dei pacchetti
  • Utilities
    • XArchive per la gestione e produzione di archivi
    • gtKam per usare la fotocamera con il computer
  • Settings

Oltre a strumenti utili alla configurazione del sistema, appareinteressante lo strumento WAG per la gestione dei dispositivi wireless

  • FileSystem
    • ROX filer quale File manager
    • XnView per visualizzare le immagini
    • Midnight Commander
  • Graphics
    • CinePaint per la realizzazione di filmati
    • GIMP per la manipolazioni di file grafici
    • MTPaint per produrre e manipolare file grafici
    • Inkscape per produrre file rafici vettoriali
    • Grabc screen per sapere la sigla del colore posto sullo schermo
  • Development
    • Bluefish
  • Office
    • Abiword come wordprocessor
    • Scribus per produrre file grafici (volantini, biglietti da visita, brochure, ecc.)
    • Ical per la gestione della giornata
  • Network
    • Gkdial per configurare una connessione analogica
    • Roaring Penguin PPPoE ADSL per configurare una connessione ADSL
    • Firelog Firewall
    • Sockspy TCP Spy
    • Monkey webserver
    • Pro FTPD
    • SSH Daemon
  • Internet
    • Dillo web browser
    • Elinks come browser testuale
    • Opera browser
    • Gaim per la messaggeria istantanea
    • gFTP per la gestione di file via FTP
    • RDP Client - Remote Desktop
  • Multimedia
    • ZfreeCD Player
    • Gxine media player
    • PBcd ripper per estrarre musica dai CD
    • PawdioConverter per la conversione dei format musicali
    • pupdvdtool DVD ripper per estrarre i film dai DVD
    • Grafburn cd/dvd burning per masterizzare CD e DVD
    • Isomaster per produrre un file ISO
    • TKDVD writer per masterizzare DVD

Usabilità

Grafpup è un sistema dalla usabilità non particolarmente dedicata al novizio. L'impossibilità di avere il sistema in lingua italiana è già un ostacolo. Poi a ciò va aggiunto che il nome degli strumenti non è particolarmente indicativo, anche se i progettisti hanno pensato bene di includere nel nome dell'applicazioni, avviabili da menu principale, una laconica spiegazione delle finalità dei singoli strumenti.
Da un punto di vista della usabiità come sistema di produzione e fruizione, Grafpup soddisfa le esigenze di ogni utente e per i più disparati impieghi.
Va tenuto conto che alcuni strumenti di gestione del sistema sfruttano schermate semigrafiche un po' ostiche per il pubblico di utenti inesperti.

Pregi

  • Dimensioni contenute
  • Aspetto molto carino e sobrio
  • Solidità del sistema
  • Ricchezza delle dotazioni
  • Ricchezza delle dotazioni grafiche e multimediali
  • Usabilità elevata anche in versione live
  • Ottimo rconoscimento del'hardware

Difetti

  • Strumenti poco conosciuti
  • Screensaver che manda in crisi il sistema una volta avviato
  • Diversità di aspetto del menu principale a seconda di come viene aperto
  • Avvio lento della seduta live

Conclusioni

Grafpup è un sistema da consigliare a tutti quelli che vogliono recuperare un vecchio computer dall'oblio. le sue contenute richieste di spazio e memoria permettono di avviare il sistema su computer con soli 128 MB di memoria RAM e con hard disk di appena 4GB.
Tuttavia il sistema non è adeguato ad un utente inesperto che potrebbe avere difficoltà nell'uso adeguato degli strumenti disponibili, per non parlare dell'uso dell'installer o del gestore di pacchetti.
Infine invio i miei complimenti ai progettisti di questo bel sistema che merita risalto in tutta la comunità Linux, cme il suo prestigioso progenitore.

La distro non esiste più

Indice | Torna in alto