*Linux Guide

Mandriva 'One' 2008

Premessa

Uno degli eventi attesi per l'autunno 2007 era il rilascio di Mandriva 2008 che, stando ai numerosi articoli ed ai radicali cambiamenti avvenuti all'interno della compagnia, prometteva un sistema degno di rilevanza assoluta. Non potevo quindi estraniarmi dal valutare almeno la versione live del sistema francese.
Mandriva è una delle poche distribuzioni maggiori che influenzano il mondo Linux in modo sostanziale, una occhiata andava data e devo subito dire che Mandriva 2008 è un sistema veramente degno di nota.
Vediamo.

Nome e Tipologia

Mandriva 'One' 2008 è un sistema operativo Linux completo, live ed installabile, orientato al desktop, basato su Mandriva 2008 e adatto ad utenza di ogni genere, in particolare per inesperti. Realizzato in Francia.

Tempi di avvio ed Opzioni

Dopo il riavvio del PC, una schermata grafica di boot permette di avviare direttamente il sistema o di selezionare delle opzioni per poi procedere all'avvio.
Le opzioni possono essere selezionate attraverso i tasti funzione:

  • F1 Help dove compaiono le successive opzioni :
    • Install per avviare direttamente l'installer
    • Network options per selezionare le opzioni di rete
    • Splash per influire sulla splash di avvio
    • Acpi per influire sui moduli ACPI
    • IDE per agire sui dispositivi IDE
  • F2 Language per la selezione della lingua, dove è presente anche l'italiano
  • F3 Others options per impostare da riga di comando, altri parametri di avvio (come la risoluzione dello schermo).

Io ho semplicemente scelto la lingua italiana e premuto il tasto Invio per lanciare il sistema.
Una schermata grafica cela i processi di boot e una barra di caricamento testimonia il suo completamento.
Finito il caricamento del sistema, alcune finestre di setup consentono di settare il sistema sulle specifiche esigenze dell'utente. Ci sono voluti circa 90 secondi per giungere fin qui.
Le finestre di setup comprendono la scelta della lingua, della nazione, di accettare le condizioni di uso, della tastiera, del fuso orario, dell'ora e degli effetti 3D del desktops (nessuno, Metisse o Compiz).
Effettuate le opportune scelte, il sistema avvia il Window Manager in base alle scelte appena effettuate.
Io in un primo momento ho scelto Metisse che si è avviato regolarmente ed ha funzionato bene, tuttavia il tentativo di passare a KDE attraverso il riavvio di X, non sortiva nessun effetto. Ho provato con la combinazione Ctrl+Alt+backspace ed accedevo alla finestra di login (guest per l'userID e come password), poi cambiavo tipo di sessione in KDE, ma non avveniva alcun cambio.
Per poter passare a KDE ho riavviato il computer ed al momento di scegliere il Window Manager, ho scelto KDE.
La splash di KDE è totalmente diversa da quella alla quale siamo abituati e il caricamento del DE è testimoniato da 3 figure umane stilizzate con atteggiamenti diversificati.
KDE si avvia molto rapidamente e si accede al desktop in pochi secondi.

Il desktop di Mandriva One

Ambiente grafico ed Aspetto

Mandriva è da sempre un sistema graficamente curato e anche in questo caso la scelta delle img e dei colori è adeguata e moderna.
Lo sfondo della scrivania è anche quella della boot splash e della finestra di caricamento di KDE. Su uno sfondo azzurro con area lumeggiata centrale, si staglia l'elica simile al DNA e composta di tante piccole figure umane stilizzate in vario modo evidenziate. Il logo e il nome della distro si collocano all'angolo inferiore destro dello schermo.
Su questo sfondo si delinenano sette icone (Home, Cestino. Benvenuto, Live install, Dispositivi di archiviazione, Passa a Powerpack, Register). Sono icone ben definite e facili da capire, nonchè adeguatamente provviste di testo alternativo.
La deskbar si colloca in basso ed a fianco del tasto di accesso al menu principale, ci sono le icone solite (accesso alla scrivania, Firefox, KMail, Centro di controllo). Il pager ha quattro aree, mentre a destra ci sono le applet del Bluetooth, del volume audio, della connessione, l'orologio e il tasto di spegnimento e cambio sessione.
Il menu principale è ben suddiviso e ordinato e le finestre dei programmi sono ben decorate in modo semplice e moderno.
Mandriva 'One' 2008 &egrave, un sistema che permette di default di avviare gli effetti grafici 3D, consentendo di scegliere tra Metisse - un gestore delle finestre 3D di produzione Mandriva - e Compiz, il famoso, incredibile Window Manager 3D.
Per avviare questi gestori delle finestre occorre scegliere in fase di avvio.

Il menu di Mandriva One

Dotazioni software

Mandriva 'One' 2008 è un sistema Live, principalmente, e le sue dotazioni software non possono certo spaziare a dismisura - cosa che avviene invece con i sistemi installabili Free e PowerPack. Tuttavia la versione Live in argomento è provvista pressoché di ogni genere di software per gli usi più comuni. Si può chattare, navigare nel web, messaggiare, allestire reti domestiche, produrre documenti, presentazioni, fogli di calcolo, faxare, pianificare, ascoltare musica, vedere film, disegnare, allestire album fotografici, masterizzare, editare film e molto altro ancora e tutto con strumenti moderni, di ultimissima generazione, collaudati ed efficaci.
Il sistema può essere configurato in ogni minimo dettaglio e, naturalmente, non manca la possibilità di installare il sistema su hard disk. Per l'installazione di altro software ci pensa RPMDrake 2008, un package manager a prova di principiante.
In sintesi Mandriva 'One' è un sistema completo ed espandibile al massimo grado.

Usabilità

Mandriva 'One' 2008 pur essendo principlamente un sistema Live, è un sistema usabile ad altissimo livello e la risposta agli input è fulminea. La sua natura gli permette di essere un sistema per recuperare dati da sistemi installati, per testare l'hardware di computer, per dimostrare cosa sia Linux a chi non lo conosce e per lavorare su altri pc in un ambiente familiare e sicuro.
La possibilità di avere il sistema in italiano consente agli utenti italiani di avere sottomano un attrezzo facile da usare.
Il menu è ben suddiviso in opportune categorie, ma le voci dei singoli programmi mancano di descrizione di finalità.
L'installer del sistema è di una semplicità che è ormai leggenda e la dotazione di software permette un uso adeguato e molto soddisfacente del sistema.
Mandriva 'One' è una ottima base per scoprire la forza e la usabilità di Linux.

Il Centro di Controllo di Mandriva One

Pregi

  • Modernità
  • Semplicità d'uso
  • Amichevolezza e bellezza
  • Reattività
  • Compatibilità hardware

Difetti

  • Mancano i giochi

Links utili

Conclusioni

Devo dire che Mandriva 'One' 2008 è un sistema di altissimo livello, immensamente sopra a qualsiasi sistema commerciale passato, presente e futuro, ad esclusione di MacOS X. Si addice primariamente a utenza inesperta alla ricerca di una distro indolore e "pronta all'uso".
Rispetto alla precedente versione del 2006 - che non funzionava - questa potrebbe essere la distro che farebbe cedere gli indecisi, che potrebbe far virare molti utenti verso Linux.
Da provare accuratamente, da gustare e da installare!

Indice | Torna in alto