*Linux Guide

Mandriva Linux 2009 - Xfce Edition

Premessa

Non ho mai avuto in simpatia i sistemi Mandrake/Mandriva e non ho mai affrontato la recensione di queste distro anche per via del loro costante rifiuto a funzionare nel mio laptop, ma ...
Questa volta invece le cose sono ben diverse e devo ammettere che ora Mandriva ha un sistema operativo ben fatto, molto carino, user friendly al massimo e dedicato a tutti quelli che vogliono un sistema Linux pronto e senza tante difficoltà nell'installazione e nella gestione.
Vediamo insieme cosa contraddistingue questa distribuzione.

Nome e Tipologia

Mandriva Linux 2009 - Xfce Edition è un sistema operativo completo, live/installabile, orientato al desktop, per architetture i686 ed indicato per ogni tipologia di utenza.
Kernel : 2.6.27-desktop586-0.rc8.2mnb #1 SMP

Tempi di avvio ed Opzioni

Il test è stato effettuato in seduta live, senza installazione, su un laptop BenQ R23E. Tutto l'hardware e le periferiche sono stati opportunamente riconosciuti e configurati ed a parte la modifica al parametro di risoluzione grafica, null'altro è stato modificato per il corretto avvio e testing.

  • Riconoscimento e caricamento del kernel = OK
  • Efficacia dei tasti funzione = OK
  • Avvio del server X = OK
  • Risoluzione video = OK
  • Opzione lingua italiana = OK
  • Opzione tastiera italiana = OK
  • Automount dei dispositivi = OK

Test

Una volta riavviato il pc con il CD di Mandriva Xfce, si accede ad una schermata grafica con la sola opzione di avvio "Boot Mandriva Linux 2009".
Solo tre i tasti funzione disponibili per le modifiche di boot :
- F1 Help
- F2 Language (tra cui l'italiano)
- F3 Other Options (per la modifica manuale dei parametri di avvio)
Io ho scelto la lingua italiana e verificato che la risoluzione fosse quella corretta, ma ho dovuto modificare il parametro di risoluzione (da 788 a 791). Quindi ho avviato il caricamento premendo Invio.
Questo processo viene mostrato in modo testuale ed è una funzione abbastanza lenta (circa 2 minuti).
Prima di potere accedere alla scrivania, si devono impostare delle configurazioni intermedie :

  • Lingua (conferma della scelta iniziale)
  • Licenza (accettazione di una licenza d'uso)
  • Fuso Orario (già impostato in base alla lingua)
  • Orario (ci sono due opzioni in base a ora legale e solare)
  • Layout di tastiera (già impostata in base alla lingua)
  • Effetti 3D (se non averli, se avere Metisse o se avere Compiz Fusion)

Una volta risposto a queste configurazioni, si accede alla scrivania accompagnati da una bella musichetta introduttiva.
La scrivania giunge a completamento in pochi secondi e tutto il sistema è pronto all'uso nel giro di circa 3 minuti e mezzo.
La scrivania viene subito popolata dalla finestra dei trucchi e suggerimenti di Xfce.

Ambiente grafico ed Aspetto

Il gestore dell'ambiente grafico è Xfce nella versione 4.4.2 ed è l'ambiente che preferisco per qualsiasi distribuzione.
La scrivania ha un aspetto grafico molto curato e carino e lo sfondo è moderno e originale, come potete vedere dalla immagine sottostante.
Le icone sul desktop sono in numero limitato (Cestino, Home, Filesystem), ma molto grandi, forse troppo.
La deskbar si trova in alto e, partendo da sinistra, mostra le icone del menu principale, delle risorse del computer, del terminale, dell'editor di testo, di Thunar (file manager), del browser e del Centro di Controllo. Alla destra si trova l'applet della connessione di rete, l'orologio e quella di bloccaggio del desktop.
La taskbar si trova in basso e mostra il pager a 4 desktop virtuali, a sinistra, assieme all'icona di accesso rapido alla scrivania.
Il menu principale è quello classico di Xfce ed è ben suddiviso in categorie, facile da usare e da capire.
Le finestre delle applicazioni sono ottimamente decorate, con colori lucenti, ma non fastidiosi e sono di aspetto molto carino e fresco.
Sono previste ben due opzioni per il desktop tridimensionale :
- Metisse, che è un gestore grafico 3D sviluppato proprio da Mandriva e che non ha le meraviglie di Compiz - Compiz Fusion di cui non stò a magnificarne le dotazioni.
Per la mia esperienza, posso dire che Metisse non abbisogna di schede grafiche definite come Compiz e nel mio laptop ha funzionato bene. Tuttavia Metisse ha effetti grafici limitati.

Il desktop di Mandriva Xfce

Dotazioni software

Mandriva Xfce è un sistema riccamente dotato, ideale per un uso comune del sistema operativo e qualsiasi utente può adempiere alle sue necessità più comuni.
Ufficio : OpenOffice.org al gran completo, ePDF per visualizzare i file PDF
Grafica : GIMP per la grafica bitmap e gThumb per visualizzare le immagini
Internet e Rete : Deluge per i file Torrent, Ekiga per la telefonia VoIP, Firefox per navigare nel web, Pidgin per la messaggeria, VNC per la configurazione di reti domestiche e d'ufficio, XChat IRC per chiacchierare in rete
Multimedia : Exaile per gestire e ascoltare la musica, Totem per film e musica, Sound Converter per convertire i formati audio, TVTime per vedere la TV, Xfburn per la masterizzazione
Altro : Bluetooth per la condivisione di files, RPMDrake per la installazione di nuovi pacchetti software, Pinot per le ricerche nel sistema operativo.
Il sistema Mandriva Xfce è dotato di uno dei Centri di Controllo più funzionali oggi disponibili nel mondo Linux. E' uno strumento utilissimo, potente, versatile, facile da capire e usare, che permette anche al novizio di usare e personalizzare il sistema in pochi click. La grafica è molto bella e amichevole.
Anche l'installer da live è di una versatilità e amichevolezza che ha pochi paragoni e consente all'utente poco esperto di installare il sistema in modo sicuro, facile ed efficace.
Conclusioni
Mandriva Xfce è quello che si potrebbe definire "Il Sistema Linux di Ingresso". E' di tale facilità e amichevolezza, che invita chiunque a scoprire le magie del mondo Linux e andrebbe indicato quale prima scelta per chi si approccia al mondo del software libero.

Il menu di Mandriva Xfce

Usabilità

Mandriva Xfce è un sistema dalla usabilità di massimo livello, già a partire dalla interfaccia di avvio. Sebbene il caricamento del sistema live non sia particolarmente veloce, una volta completato regala all'utente un desktop ben configurato e pronto per essere provato ed eventualmente installato senza altre impostazioni.
La scrivania è caratterizzata da pulizia, ordine e bellezza, nessuna icona inutile, deskbar chiara e funzionale, menu ordinato e applicazioni dall'interfaccia pulita e chiara.
Le voci del menu principale sono ben dotate di indicatori di finalità. Il supporto alla lingua italiana è totale e ben poche cose rimangono in lingua inglese.
La reattività anche in versione live è di ottimo livello e la latenza dopo i comandi è molto contenuta.
Le dotazioni di software permettono al sistema di essere usabile anche in versione non installata e le caratteristiche di questo capolavoro, consentono di poter recuperare dati da sistemi in avaria.
L'Intuitività è di alto livello e risulta difficile pensare di avere difficoltà di ambientamento con questo bel sistema operativo.

Mandriva Xfce

Pregi

  • Desktop leggero e reattivo
  • Bellezza e pulizia
  • Usabilità di altissimo livello
  • Dotazione software
  • Installer e Centro di Controllo senza paragoni

Difetti

  • Il sistema non si spegne al termine della seduta live
  • Sistema basato su RPM, da sempre non facili da gestire

Il Centro di Controllo di Mandriva Xfce

Perchè usare questa distro?

  • Per l'amichevolezza e l'usabilità
  • Per l'esperienza di Mandriva
  • Per il centro di controllo e per l'installer a prova di imbecille
  • Per il desktop environment
  • Per entrare nel mondo Linux in modo indolore

Links utili

Conclusioni

Lo ammetto. Non amo i sistemi RPM-based e non mi sono mai impegnato molto per conoscerli, ma devo riconoscere che questa versione di Mandriva mi ha lasciato stupito per bellezza, usabilità, compatibilità, amichevolezza e facilità.
E' una distro da pubblicizzare intensamente presso coloro che vogliono entrare nel mondo Linux, ma senza impazzire.
Complimenti vivissimi agli sviluppatori ed a tutta la comunità di Mandriva.

Indice | Torna in alto