*Linux Guide

Recensione Galpon MiniNo

Premessa

Ci sono poche distro Linux dedicate al recupero di vecchi computer e per lo più sono progetti molto conosciuti come Puppy o derivati da esso. Spesso sono distribuzioni derivate da Slackware ed ottengono ottimi risultati su molti computer datati. Tra i progetti meno noti ce n'è uno che ha un nome un pochino strano e tema della presente recensione, Galpon MiniNo, suggeritami da un amico del sito.
Sono rimasto stupito dalla leggerezza del sistema e dalla usabilità anche per utenti di non particolare esperienza Linux. Vi invito a leggere con attenzione e se avete un computer di sei o sette anni fa, questo può essere il momento di ridargli nuova vita.
Buona lettura :-)

Nome e Tipologia

Galpon MiniNo è una distribuzione Linux Live/Installabile orientata al desktop ed al recupero di vecchi computer, basata su Debian, per architetture i686 ed indicata per utenti di media esperienza Linux.
Kernel : Linux minino 2.6.26-2-686 #1 SMP

Test

Il test della distribuzione è stato effettuato sia in sessione Live che dopo la installazione su un laptop Acer 1300 del 2001. Tutto l'hardware e le periferiche sono stati adeguatamente riconosciuti e configurati e non ho dovuto modificare nulla per avviare il sistema.

  • Riconoscimento e caricamento del kernel = OK
  • Efficacia dei tasti funzione = OK
  • Avvio del server X = OK
  • Risoluzione video = OK
  • Opzione lingua italiana = NO
  • Opzione tastiera italiana = NO, ma facilmente configurabile
  • Automount dei dispositivi = OK

Opzioni e Tempi di caricamento

Una volta riavviato il computer con il CD di Minino, si accede ad una schermata semigrafica che mostra alcune opzioni di avvio come la scelta della lingua (Galiziano, Spagnolo e Inglese), o come la scelta di avviare con i driver VESA. Io ho scelto la lingua inglese e premuto INVIO per avviare il boot. Il caricamento del sistema è mostrato a schermo in modalità testuale, mentre una volta installato viene nascosto da una semplice schermata con barra di caricamento e si giunge alla scrivania nel giro di circa un (circa 30 secondi una volta installato) minuto e mezzo, senza splash preliminari. Non sono necessarie configurazioni intermedie e la correttezza della risoluzione schermo è perfetta. Provando il sistema nel mio computer principale, provvisto di scheda grafica Nvidia, la risoluzione appare inadeguata per eccesso (1920x1024).

Ambiente grafico ed Aspetto

Il sistema mostra l'interfaccia gestita dal window manager IceWM e devo dire che si tratta di una sistema carino, simpatico, curato e non banale. La scrivania mostra uno sfondo molto originale, come potete vedere dall'immagine sottostante e le uniche icone presenti sono quelle della home e del cestino.
Il pannello superiore è una vera e propria deskbar da dove lanciare strumenti di utilità ed è una trovata molto utile. Fa parte del file manager ROX.
Il pannello inferiore mostra caratteristiche molto comuni alla maggior parte delle taskbar, con il pulsante per il menù principale e le icone di vari programmi e strumenti utili. Di particolare interesse è l'icona per passare da un profilo desktop ad un altro. E' una iconcina con la bacchetta magica e permette di passare dal desktop Rox a quello di PCManFM. Nel primo è presente il pannello con i lanciatori, nel secondo questo pannello manca.
Il Menu principale è ben suddiviso. Nella parte alta è presente la voce delle utilità che poi permette di accedere alle varie applicazioni, poi è presente un elenco delle applicazioni più comuni, mentre nella parte bassa sono presenti le voci relative alle utilità di sistema, come le preferenze e gli strumenti di amministrazione.
Le finestre delle applicazioni sono stupendamente decorate, con colori brillanti, ma non pacchiani. Gli angoli arrotondati donano un certo grado di modernità e ricercatezza e anche gli effetti roll-over sui pulsanti di gestione sono molto carini e discreti.
Gli effetti 3D sono assenti, ma non è una gran perdita considerando il tipo di distro ed i computer a cui è dedicata.

Il desktop di MiniNo

Dotazioni software

MiniNo è una distribuzione completa di molto software, magari poco conosciuto, ma assolutamente in grado di soddisfare le esigenze degli utenti al riguardo di svariati compiti.
Le esigenze di Ufficio sono coperte da AbiWord per i file testuali e da Gnumeric per il foglio di calcolo. Ci sono anche i due visualizzatori di file PDF, EPDFviewer ed xpdf. Poi c'è NoteCase per stilare delle note e appuntamenti. ToDo List produce liste di compiti per rispettare i propri impegni.
La Grafica non viene trascurata, potendo elencare numerosi programmi come Gliv e GPicView per la visualizzazione e la gestione delle immagini. mtPaint permette di disegnare e ritoccare delle immagini, mentre Sodipodi permette di produrre immagini in formato .svg. UFRaw consente la manipolazione di immagini Raw.
Internet e Rete sono due applicazioni che MiniNo non ha certo trascurato. Epiphany e MiniNo browser consentono di navigare su internet. Ayttm Messenger permette di messaggiare, BaShare del buon Guido Iodice permette di scambiare i file in rete. Transmission permette di scaricare e distribuire file attraverso BitTorrent, Wicd permette di configurare reti wireless.
La multimedialità è soddisfatta da programmi come Audio Tag Tool per modificare i Tag dei brani musicali, Brasero ed XCD Roast per masterizzare CD e DVD, MPlayer per riprodurre musica e film, RipperX per estrarre i brani musicali da supporti CD, XMMS quale player musicale leggero e potente.
MiniNo dispone di decine di altri strumenti utili a compiere qualsiasi funzione e che si possono scoprire con facilità.
Le impostazioni di sistema sono facilmente raggiungibili dal menù principale, sia per quello che riguarda la configurazione hardware, che per le preferenze di sistema. Ci sono molti strumenti, perfino il rilevatore di livello di inchiostro per la stampante.
La gestione del software è affidata all'inossidabile Synaptic e si potrà quindi disporre di tutto il software di propria necessità.
L'installer è testuale e, come vedete dalle immagini sottostanti, semplice da capire anche se in lingua inglese.


Selezione della lingua

Definizione della partizione di root

Decidere se partizionare o meno

Formattazione delle partizioni

Installazione del sistema

MiniNo è un sistema ricco di strumenti, certo poco conosciuti, ma ugualmente efficaci ed efficienti, che possono aiutare qualsiasi utente a divertirsi con un sistema poco impegnativo e poco avido di risorse.

Usabilità

Il sistema in oggetto è abbastanza ben organizzato. La taskbar di Rox è utile e racchiude solo strumenti di utilità, mentre i programmi veri e propri si trovano all'interno del menù, ben organizzato e suddiviso. La scrivania presenta solo due icone (Home e Cestino) e non crea confusione nell'utente.
Il pannello inferiore mostra gli strumenti di più frequente impiego.
Il menù non presenta indicazioni contestuali che indichino le finalità dello strumento indicato nella singola voce.
Il supporto alla lingua italiana è assente, ma è possibile installare i pacchetti per la italianizzazione.
Anche in sessione Live il sistema è scattante, leggerissimo e molto reativo agli input dell'utente. La dotazione software è ricca e l'utente può subito essere produttivo, dovendo installare solo il software di sua specifica scelta.
Anche la intuitività del sistema è elevata. Il file manager Rox non è invece molto intuitivo e si distacca notevolmente da quelli più diffusi come Nautilus o Thunar, mentre si avvicina di più a Dolphin di KDE. Io trovo molto più pratico e usuale l'impiego di PCManFM.
Un pochino di confusione appare nella collocazione degli strumenti di configurazione del sistema. Essi sono dislocati in svariati posti e ciò potrebbe creare una certa confusione nell'utente. I progettisti avrebbero potuto racchiudere il tutto nel pannello di controllo previsto dal menù. Il sistema risulta molto utile anche per il recupero di sistemi in avaria e rappresenta una ottima soluzione portatile.

*

Pregi

  • Distro basata su Debian
  • Leggerezza e rapidità
  • Ottima dotazione software
  • Ottima interfaccia grafica

Difetti

  • Strumenti poco conosciuti
  • Cattiva organizzazione negli strumenti di configurazione

Perchè usare questa distro

  • Per ridare vita ad un vecchio computer
  • Per godere di un sistema veramente fulmineo
  • Per avere una Debian anche su computer di poche prestazioni

Links utili

Conclusioni

Ho avuto segnalazione di questa distribuzione da parte di un amico del sito e mi sono subito precipitato a scaricare il file di 428 MB. Per vedere all'opera questa distribuzione ho usato un laptop non proprio giovanile e devo ammettere di essere rimasto sorpreso dalle prestazioni già in sessione live. L'installazione è stata veramente una passeggiata e mentre il sistema si installava ho avuto modo di scrivere questa recensione.
Non solo il sistema è utile e leggero, rapido e bello, ma è anche simpatico, con quei piccoli suoni che accompagnano l'apertura e la chiusura delle applicazioni, l'avvio e lo spegnimento del sistema.
La personalizzazione del sistema è elevata e Galpon MiniNo può divenire una distro ritagliata sulle esigenze non solo dell'utente, ma anche su quelle del PC che lo accoglierà.
Sistemi Linux ben fatti ne conosco abbastanza e questo entra a far parte dei progetti degni di rispetto.
Complimenti visissimi agli sviluppatori :-)

Indice | Torna in alto