*Linux Guide

openSUSE 11.4 RC

Premessa

Con la prossima uscita di openSUSE 11.4, ho deciso di provare la versione Gnome, ambiente desktop con il quale mi trovo decisamente più a mio agio che con KDE. openSUSE è un sistema operativo di grande diffusione e affidabilità e la recensione che sto scrivendo cerca di illustrare pregi e difetti della Release Candidate della prossima versione 11.4.
Vediamo cosa ci si può aspettare da questo piccolo gioiello.

Nome e Tipologia

openSUSE 11.4 RC è una distribuzione Linux Live/Installabile in versione non ancora stabile, per uso dekstop, per architetture i686 e x86-64, indicata per tutti i tipi di utenza, dal principiante all'utente esperto, fino all'amministratore di sistemi.
Kernel :Linux linux.site 2.6.37.1-1.2-default #1 SMP

Test

Il test è stato eseguito in sola sessione Live, senza installazione su hard disk. Le periferiche e l'hardware sono stati riconosciuti e configurati, ma alla prova con le impostazioni standard, la visualizzazione della scrivania era errata, cosa che è avvenuta applicando anche i driver VESA. Solo con la opzione NOACPI attivata, scelta nel menù di boot, la visualizzazione della scrivania era corretta.

  • Riconoscimento e caricamento del kernel = Con le impostazioni predefinite ho riscontrato problemi con il server grafico, mentre con l'uso della opzione NOACPI, tutto era perfetto
  • Efficacia dei tasti funzione = OK
  • Avvio del server X = OK
  • Risoluzione video = OK
  • Opzione lingua italiana = OK
  • Opzione tastiera italiana = OK
  • Automount dei dispositivi = OK

Installazione

Per quanto riguarda la installazione, openSUSE 11.4 può essere installato dall'interno della sessione Live, o scegliendo l'opzione dedicata dal menù di avvio.
L'installer è grafico e di grande completezza e affidabilità.

Opzioni e Tempi di caricamento

Una volta avviato il PC con il CD di openSUSE, si accede ad un menù di boot nel quale sono presenti cinque opzioni:

  • openSUSE Live Gnome per provare openSUSE in sessione Live
  • Installazione per installare direttamente openSUSE
  • Verifica del supporto di installazione, per controllare l'integrità dei datiinseriti nel CD
  • Avvio dal disco rigido per avviare il sistema presente su hard disk
  • Test della RAM per controllare lo stato della memoria

I tasti funzione presenti permettono di ricevere aiuto (F1), di impostare la lingua di sistema (F2), di impostare la modalità video (F3) e di scegliere alcune opzioni relative al Kernel (F4).
Nel mio caso ho scelto la lingua italiana, accettato la risoluzione grafica e impiegata l'opzione NOACPI che mi ha permesso di avere un sistema Live perfetto.
Il caricamento del sistema è mostrato graficamente con una loadbar centrale. Non sono necessarie configurazioni intermedie e l'avvio del server grafico è avvenuto regolarmente, con l'accesso alla scrivania non preceduto da splash di presentazione.
Tutto il sistema si è caricato in meno di due minuti.

Ambiente grafico ed Aspetto

La versione in analisi è la release candidate di openSUSE 11.4 la cui veste grafica è magnificamente gestita da Gnome in versione 2.32.1. L'aspetto della distribuzione è bellissimo. Lo sfondo della scrivania ha numerose bande verticali di svariate tonalità di verde, con il logo della distribuzione che da l'impressione di essere proiettato su queste bande di varia dimensione, come potete vedere dalla figura sottostante.
Le icone sul desktop sono solo tre (Home, installer e cestino), sono belle, ben definite e di grandezza adeguata.
Il pannello è posto nella parte inferiore dello schermo e non mostra la tipica suddivisione di Gnome. Il pulsante per accedere al menù principale è nominato "Computer" e non si può dire essere la identificazione migliore; forse "Menù" era più indicato.
Accanto al punsante del menù si trova l'icona del lanciatore delle note a schermo Tomboy. Alla destra si trovano le applet per la configurazione dello schermo, per la gestione del volume audio e per il Network Manager, poi c'è l'orologio con datario.
Il menù principale ha una sua precisa architettura per cui nella prima scheda (Applicazioni) compaiono le applicazioni favorite ed il pulsante per accedere all'intero elenco dei programmi disponibili. Nella seconda scheda (Documenti) si accede all'elenco dei documenti aperti di recente e nella terza scheda (Risorse) si può accedere alla directory home ed alle sottodirectory, ai dischi ed alle partizioni presenti.
Nella colonna alla estrema destra si trovano i lanciatori degli strumenti di gestione del sistema come YaST, il Pannello di Controllo, il gestore dei pacchetti ed altro.
Si tratta di un menù molto somigliante a quello disponibile in Linux Mint, ma in quello di openSUSE l'usabilità è inferiore, tenendo presente che la configurabilità è limitata alla presenza delle icone dei programmi. Il tema scelto per le finestre è Sonar e la decorazione è molto bella e sobria. Gli effetti 3D sono possibili una volta installati i driver adeguati alla scheda grafica. Compiz può essere facilmente configurato passando attraverso il Pannello di Controllo.
Sebbene openSUSE sia una distribuzione nota per il proprio affiatamento con KDE, anche nella versione con Gnome ha un fascino molto forte. La pulizia e la precisione sono eccellenti. Una bella distribuzione per tutti!

Il desktop di openSUSE 11.4

Dotazioni software

Come per la versione con KDE, anche per quella con Gnome la dotazione di software è monumentale. Non essendo possibile elencare tutto quello che è disponibile, faccio una breve carrellata su quanto ha da offrire openSUSE 11.4. Per le esigenze di Ufficio sono disponibili:

  • LibreOffice Calc per il foglio di calcolo
  • LibreOffice Impress per le presentazioni
  • LibreOffice Writer quale word processor
  • Tasque per la pianificazione dei propri impegni
Per le esigenze di Grafica, sono disponibili:
  • Cheese per impiegare la propria webcam
  • Eye Of Gnome ed F-Spot per la visualizzazione e la modifica base delle immagini
  • GIMP quel potente e versatile editor di immagini bitmap
  • LibreOffice Draw per disegnare
  • XSane per usare il proprio scanner
Internet e Rete sono comparti che openSUSE non ha certo trascurato:
  • Empathy per la messaggeria istantanea multi-protocollo
  • Evolution per e-mail e pianificazione
  • Firefox in versione 4.0 beta 11
  • Liferea per leggere i feed RSS
  • Transmission per il file sharing su protocollo BitTorrent
  • XChat IRC per chiacchierare in rete
  • Network Manager 0.8.2 per gestire le connessioni, anche con il cellulare
La Multimedialità viene soddisfatta con le seguenti applicazioni:
  • Banshee per gestire al meglio la propria collezione musicale e non solo
  • Brasero per la gestione dei progetti di masterizzazione di CD e DVD
  • Totem per la riproduzione di DVD e video

Occorre considerare che openSUSE non dispone predefinitamente dei codecs proprietari e che occorre installarli. Per farlo basta avviare un brano musicale .mp3. Il sistema chiederà di installare i codecs relativi e, se si ha una connessione valida, questi verranno cercati e installati automaticamente.

La gestione dei pacchetti è affidata al potentissimo ed onnipresente YaST che mostra uno strumento grafico di grande amichevolezza e facilità d'uso. La disponibilità di pacchetti è immensa.
openSUSE può contare su YaST, un centro di controllo che si può definire senza rivali al mondo. E' in grado di gestire con rigore e affidabilità ogni minima parte del sistema e permette di avere il totale controllo sull'hardware e sulle impostazioni. Naturalmente è presente il pannello di controllo di Gnome che può gestire tutto il resto. Insomma openSUSE permette di ritagliarsi un sistema ottimale per le proprie esigenze.

Il desktop di openSUSE 11.4

Usabilità

openSUSE 11.4 è un sistema organizzato perfettamente, grazie anche al potente YaST. Il menù principale è chiaro, pulito e organizzato splendidamente. La pulizia del desktop e la collocazione del pannello nella parte bassa dello schermo permettono anche ad utenti abituati ad altri sistemi, di adeguarsi in breve tempo al nuovo sistema operativo.
Il menù presenta le voci delle applicazioni provviste di adeguato testo esplicativo sulle finalità dei programmi. Stessa cosa per quanto riguarda il pannello di controllo e YaST.
Il supporto alla lingua italiana è buono, ma dopo la installazione occorrono i pacchetti di localizzazione. La tastiera italiana è ben supportata.
La dotazione software è assolutamente adeguata per un uso generale del sistema, tanto che sono presenti anche undici giochi per divertirsi. Mancano solo gli strumenti di sviluppo e qualche strumento multimediale in più.
L'intuitività è massima e anche un principiante potrebbe usare il sistema con grande soddisfazione.

Il desktop di openSUSE 11.4

Pregi

  • Grande affidabilità e solidità
  • Bellezza e ordine
  • Dotazione software
  • Perfetta compatibilità hardware
  • Modernità

Difetti

  • /

Perchè usare questa distro

  • Per avere un sistema operativo solido, affidabile, facile, usabile, intuitivo, divertente e Linux
  • Per entrare nel mondo Linux in modo pressochè indolore
  • Per contare su un sistema perfetto

Links utili

Conclusioni

openSUSE ha difficilmente bisogno di conferme sulla sua validità, specialmente dopo l'uscita della versione 11.3. Con questa 11.4 il mondo Linux può disporre di un sistema ideale per tutti. Non ho altro da dire.
Complimenti agli sviluppatori :-)

Indice | Torna in alto