*Linux Guide

OpenSolaris 06-2009

Premessa

Il rilascio della nuova versione del sistema operativo basato sul kernel Solaris, era attesa da molti sia per vedere le nuove dotazioni, ma soprattutto per valutare il mantenimento delle promesse fatte dai progettisti, di produrre e offrire un sistema di grande livello e in grado di insidiare la preminenza di Linux nel mondo dell'Open Source.
Dopo la prova, abbastanza sommaria fatta questa sera, posso dire che il progetto promette molto bene e merita attenzione. Vediamo quindi cosa ho potuto scoprire con questa nuova release.

Nome e Tipologia

OpenSolaris 06-2009 è un sistema operativo Open Source live/installabile, orientato al desktop, derivato da Solaris, per architetture i686 ed AMD 64, indicato per utenza di medio alta esperienza in sistemi operativi alternativi, sebbene che con questa versione, anche un utente di medio bassa cultura informatica possa trarre vantaggio da questa distro.
Kernel: SunOS opensolaris 5.11 snv_111b i86pc i386 i86pc Solaris

Tempi di avvio e Opzioni

Il test è stato effettuato in sessione live, senza installazione su un PC desktop Packard Bell iMedia (Intel Pentium Dual Core, 3GB di RAM, Scheda grafica NVIDIA). Tutto l'hardware e le periferiche sono stati opportunamente riconosciuti e configurati e solo il cellulare collegato al sistema, non è stato riconosciuto.
Non sono state applicate modificazioni ai parametri di boot per l'avvio del sistema.
Il sistema non ha riconosciuto nessuna delle partizioni presenti nell'hard disk.

  • Riconoscimento e caricamento del kernel = OK
  • Efficacia dei tasti funzione = n.v.
  • Avvio del server X = OK
  • Risoluzione video = OK
  • Opzione lingua italiana = OK
  • Opzione tastiera italiana = OK
  • Automount dei dispositivi = OK

Test

Appena inserito il CD nel lettore e riavviato il pc, si accede ad una schermata semigrafica con diverse opzioni di avvio:

  • OpenSolaris 2009.06 - per un avvio normale
  • OpenSolaris 2009.06 VESA Driver - per un avvio in modalità grafica compatibile
  • OpenSolaris 2009.06 Text Console - per avviare direttamente in modalità testuale
  • Boot from Hard Disk - per avviare il pc con il sistema ospitato nel disco fisso
  • OpenSolaris 2009.06 Enable SSH - per avviare con l'abilitazione di sistemi di sicurezza
  • OpenSolaris 2009.06 With Magnifier - per avviare con un ingranditore di schermo
  • OpenSolaris 2009.06 With Screen Reader - per avviare con un lettore di schermo

Non sono presenti opzioni da avviare con i tasti funzione ed il caricamento del sistema è ben visibile con messaggi testuali bianchi su sfondo nero. A dire il vero il boot è abbastanza rapido e durante il caricamento si deve scegliere la lingua preferita indicando un numero (18 per quella italiana) e il layout di tastiera, sempre con un numero (13 per quello italiano).
L'avvio di X è rapido e la risoluzione è stata corretta. Gnome, il desktop environment di default, si è caricato abbastanza rapidamente e non è stato preceduto da alcuna splash introduttiva.
Il sistema si è reso disponibile per l'uso, nel giro di nemmeno due minuti.

Ambiente grafico e Aspetto

Il Gestore dell'ambiente è Gnome nella versione 2.24.2 ed è molto ben decorato, pulito e ordinato, come potete vedere dalle immagini. La scrivania si contraddistingue per uno sfondo di azzurro screziato in svariati toni dello stesso colore, con il logo della distribuzione posto nella parte inferiore destra della scrivania.
Le icone presenti nel desktop sono appena quattro (Il CD di OpenSolaris, l'icona della utilità di attivazione driver, l'icona dell'installer e quella di Firefox).
Il pannello principale si trova in alto e si contraddistingue per la presenza di icone grandi, ben definite e ben disposte in esso. I soliti tre menu, tipici di Gnome, permettono di accedere a ogni angolo del sistema e una pratica icona posta al fianco di essi, permette di accedere direttamente alla home dell'utente, mentre un'altra consente di avviare il gestore dei pacchetti. Alla destra si trova l'orologio, l'applet di attivazione della connessione in rete e poco altro.
Il menu principale è quello tipico di Gnome ed è di grande usabilità.
Le finestre delle applicazioni sono ottimamente decorate con un tema molto fresco e moderno.
La presenza dei driver NVIDIA ha permesso di avviare gli spettacolari effetti di Compiz, che si sono attivati immediatamente e caratterizzati da fluidità e morbidezza.
Insomma, OpenSolaris ha un aspetto giovane, come il progetto, bello, sereno, ordinato e la tipica propensione di Gnome a supportare l'accessibilità, consente di definire questo sistema, un sistema accessibile a chiunque.

Il desktop di OpenSolaris 2009.06

Dotazioni software

  • Ufficio : Evince per la visualizzazione di documenti PDF
  • Grafica : gThumb per organizzare le immagini, Eye of Gnome per visualizzare le immagini e GTKam per scaricare immagini dalla fotocamera
  • Internet e Rete : Firefox per navigare nel web, Pidgin per la messaggeria, Thunderbird e Evolution per la posta e la pianificazione
  • Multimedia : SoundJuicer per il ripping di CD audio, Rhythmbox per ascoltare la musica e Totem per vedere i films. Mancando i codecs, non è posssibile ascoltare o vedere nulla. Codeina, presente nel sistema, permette di scaricare i codecs
  • Altro : Non mancano i giochi e gli strumenti assistivi come il magnificatore di schermo Orca.
  • Impostazioni : Il menu Sistema permette di accedere a due sottosezioni tipiche di Gnome, "Preferenze" e "Amministrazione" attraverso le quali si può procedere a personalizzare e configurare ogni aspetto del sistema.
  • Installer : L'installer è grafico, intuitivo e diviso per passaggi chiaramente illustrati e pronti per una utenza anche alle prime armi.

OpenSolaris viene fornito con poco software e per l'uso live è più che sufficiente. Una volta installato, il sistema può essere arricchito con molto software che è possibile installare con un gestore dei pacchetti molto simile a Synaptic, in grado quindi di risolvere le dipendenze, di rimuovere i pacchetti e di aggiornarli; il tutto in modo grafico ed intuitivo.

Il menu di OpenSolaris

Usabilità

L'usabilità di OpenSolaris è di altissimo livello sia per la presenza del desktop environment classicamente orientato alla usabilità, sia per la presenza di soluzioni e scelte che favoriscono la usabilità. Anche gli effetti prescelti per Compiz sono adeguatamente orientati alla usabilità e, di pari passo ad essa, viene fornito software che soddisfi anche una richiesta di accessibilità (lettore di schermo e magnificatore dello schermo).
La scrivania si contraddistingue per pulizia e ordine e le poche icone presenti in essa sono di facile comprensibilità.
Tutte le voci del menu e le icone del pannello sono adeguatamente fornite degli appositi ed esaustivi indicatori di finalità e nessun utente si trova a fare cose per le quali non venga fornita adeguata indicazione dei risultati.
Il supporto alla lingua è massimo e la reattività anche in seduta live è buona, con un tempo di latenza molto contenuto.
Le dotazioni software sono abbastanza ristrette, ma dato che il sistema live serve solo a mostrare l'anteprima di quello che sarebbe il sistema installato, direi che quello che viene regalato è sufficiente a farsi una idea del prodotto.
L'intuitività, al pari della usabilità, è molto elevata e OpenSolaris è un sistema che non richiede interpretazioni e non lascia dubbi irrisolti.
In ogni caso OpenSolaris non può essere impiegato come sistema di recupero dati e ripristino di sistemi in avaria.

Il cubo di Compiz in azione

Pregi

  • Pulizia e ordine
  • Usabilità e Accessibilità
  • Solidità e Compatibilità
  • Bellezza e supporto 3D

Difetti

  • Pochi i programmi disponibili
  • Difficoltà a capire come spegnere il sistema

Perché usare questa distro

  • Per il suo potente FileSystem (ZFS)
  • Per la sua grande usabilità
  • Per il suo supporto nativo agli effetti 3D anche in versione live
  • Per il team di sviluppo alle spalle e il suo forte potere di crescita
  • Per la sua bellezza e sobrietà
  • Per il suo installer grafico a prova di imbecille

Il muro di desktop

Links Utili

Conclusioni

Sono rimasto stupito dal constatare come OpenSolaris abbia funzionato subito e perfettamente sul mio pc. Credevo di aver letto che ci fossero problemi di supporto hardware, ma così non è stato. Certo il consumo di RAM è un po' elevato e questo fa si che non sia un sistema indicato a PC con meno di 1 GB di RAM, tuttavia il suo comportamento è fluido, la reattività di buon livello e l'usabilità di alto livello.
Una distro da provare, da tenere d'occhio nei suoi prossimi sviluppi e di certo un prodotto dal ridente futuro. Il software libero è più ricco grazie anche a OpenSolaris.
Complimenti di cuore al team di sviluppo :-)

Indice | Torna in alto