*Linux Guide

OpenSolaris 2008.11

Premessa

Il mondo del software libero è in grande fermento da diverso tempo e tra i nuovi progetti e le nuove versioni dei vecchi progetti, c'è sempre qualcosa di nuovo che appare all'orizzonte. OpenSolaris è una di queste novità, anche se non è propriamente una novità assoluta. Il sistema operativo Solaris di Sun Microsystem non è infatti una novità, anzi, ma il progetto che è nato sulle sue basi, e di cui mi onoro di redigere una recensione, è una novità che si inserisce nel vasto panorama dei sistemi operativi alternativi, con molte promesse, grande entusiasmo e vere e proprie dotazioni di spicco che vi illustro in questa recensione.

Nome e Tipologia

OpenSolaris 2008.11 è un sistema operativo Unix live/installabile, orientato al desktop, derivato da Solaris, per architetture i386 ed indicato per utenza esperta. Gli utenti novizi devono attendere ancora che il progetto raggiunga quella maturazione, quella completezza e quella compatibilità hardware che ne permetta un impiego senza particolari problemi.
Kernel : SunOS opensolaris 5.11 snv_101b i86pc i386 i86pc Solaris

Test

Il test da me effettuato si è svolto in versione live, senza installazione su un laptop Acer Aspire 1300 (AMD Athlon XP 1600+ 1800 MHz, RAM 512 MB, scheda grafica integrata). Non sono state applicate modifiche ai parametri di avvio e quasi tutto l'hardware e le periferiche sono state adeguatamente riconosciuti e configurati. Non è stata riconosciuta la scheda audio.
In un secondo riavvio, lasciando la stick memory inserita in un HUB a quattro ingressi, questa non è stata riconosciuta ed il sistema non ha poi provveduto a configurarla. E' stato necessario riavviare il sistema, con la stick disinserita, attendere il completo caricamento del sistema e poi reinserire la chiavetta nel medesimo HUB.

  • Riconoscimento e caricamento del kernel = OK
  • Efficacia dei tasti funzione = n.v.
  • Avvio del server X = OK
  • Risoluzione video = OK
  • Opzione lingua italiana = OK
  • Opzione tastiera italiana = OK
  • Automount dei dispositivi = OK

Opzioni e Tempi di caricamento

Una volta riavviato il pc con il CD di OpenSolaris, si accede ad una schermata grafica dove sono presenti alcune interessanti opzioni di avvio:

  • OpenSolaris 2008.11 snv_101b_rc2 x86
  • OpenSolaris 2008.11 snv_101b_rc2 x86 text console
  • Boot from Hard Disk
  • OpenSolaris 2008.11 snv_101b_rc2 x86 with magnifier
  • OpenSolaris 2008.11 snv_101b_rc2 x86 with screen reader

Il che indica che il sistema offre uno sguardo particolare alla Accessibilità.
Comunque non ci sono tasti funzione operativi e se bisogna applicare delle modifiche ai parametri di boot, è necessario premere il tasto Tab per inserire i dati adeguati.
Io mi sono limitato quindi a premere il tasto Invio per avviare il sistema con la configurazione di default.
La schermata di caricamento è testuale e dopo alcuni messaggi, si accede alle uniche due configurazioni necessarie prima dell'avvio di X, la scelta del layout di tastiera (ci sono 41 possibilità, tra cui quella italiana il cui numero di impostazione è 16) e la scelta della lingua del sistema (ci sono 11 lingue supportate predefinitamente, tra cui quella italiana al numero 6).
Dopo queste due rapide configurazioni intermedie, si passa al caricamento del server grafico e poi a quello della scrivania. Sia la risoluzione dello schermo che il Desktop Environment sono giunti con successo al completamento. Il DE non è preceduto da splash di presentazione.
Tutto il sistema richiede un tempo di completamento di poco inferiore ai 3 minuti; forse un po' troppi.

Ambiente grafico ed Aspetto

GNOME, nella versione 2.24.0, è il gestore dell'ambiente desktop ed è decisamente ben fatto, carino alla vista e da sempre orientato alla massima usabilità e accessibilità, con un particolare riguardo alla intuitività.
Lo sfondo della scrivania è bello, sereno, riposante e rappresenta un cielo lievemente velato. Non c'è alcun logo del sistema operativo, mentre su questo sfondo si stagliano le quattro icone, poste all'angolo superiore sinistro dello schermo (OpenSolaris, Guida Introduttiva ad OpenSolaris, Installa OpenSolaris, Utility Drivers).
Come è tipico di GNOME, la deskbar si trova in alto ed è caratterizzata dai soliti tre menu (Applicazioni, Risorse, Sistema) e da alcune icone di accesso rapido ad alcune applicazioni (File Manager, Firefox, Thunderbird, Gestore dei pacchetti, Terminale e Finder). Sulla destra si trova l'orologio (assolutamente non sincronizzato) ed un paio di applet riguardanti l'audio.
La taskbar si trova nella parte bassa dello schermo, dove il pager mostra quattro desktop virtuali.
Le finestre delle applicazioni sono elegantemente decorate e le icone presenti sono molto belle, ben definite, intuitive e dai colori tenui.
Non c'è modo di applicare il Desktop Compositing ne alcun effetto 3D

Il desktop di OpenSolaris

Dotazioni software

OpenSolaris 2008.11 è un sistema dalle dotazioni software decisamente limitate specialmente al riguardo di applicazioni per ufficio e per la grafica. Vediamo quello che può offrire.
Ufficio: Evince per consultare i file PDF
Grafica: Gthumb per la gestione delle immagini, GTKam per la gestione della fotocamera
Internet e Rete: Firefox per navigare nel web, Pidgin per la messaggeria istantanea, Thunderbird per la posta elettronica ed Evolution per la pianificazione e la posta
Multimedia: SoundJuicer per estrarre musica da supporti CD, Rhythmbox per ascoltare la musica, Totem per vedere i films
... e poco altro.
Impostare e configurare il sistema è molto semplice e GNOME offre svariati strumenti per farlo.
Non esiste un vero e proprio pannello di controllo, ma amministrare il sistema è facile accedendo al menu 'Sistema' ed al sottomenu 'Amministrazione'.
L'installer è grafico e ben organizzato nei vari passaggi che portano dalla configurazione delle partizioni, alle definizioni dell'utente. Ha un interfaccia molto simile all'installer di Ubuntu.

Il menu di OpenSolaris

Usabilità

Quale sistema dotato di GNOME, OpenSolaris 2008.11 parte già avvantaggiato, al riguardo di usabilità e intuitività. Il sistema è pulito, ordinato, ben organizzato, orientato spiccatamente all'accessibilità.
Il procedimento di avvio e impostazione della seduta live è quanto mai semplice e anche in caso di installazione, tutto è ben documentato e chiaro nei vari passaggi.
Ogni voce del menu è provvista di chiari indicatori di finalità e nulla è lasciato alla interpretazione soggettiva dell'utente.
Il supporto alla lingua italiana è perfetto e completo e solo pochissime voci sono ancora in inglese.La reattività del sistema in versione live è ottima e la latenza è molto contenuta.
Peccato per il poco software preinstallato e per la assoluta mancanza di strumenti per ufficio.

OpenSolaris

Pregi

  • Filesystem impareggiabile
  • Pulizia, ordine, usabilità e intuitività
  • Reattività in versione live
  • Bellezza e semplicità

Difetti

  • Compatibilità hardware incerta e limitata
  • Poco software preinstallato e disponibile
  • Sistema non adatto a vecchi computer

Perchè usare questa distro

  • Per la solidità del sistema
  • Per il filesystem di grande efficienza e robustezza
  • Per la sua usabilità
  • Per avere un sistema fuori dal coro
  • Per le sue potenzialità di sviluppo

Links utili

Conclusioni

OpenSolaris 2008.11 mi ha fatto una ottima impressione. E' un sistema che funziona, anche se ha qualche problemino di compatibilità hardware che, a detta dei progettisti e sviluppatori, è in fase di risoluzione.
E' un sistema pulito, ordinato, carino, ben fatto, anche se manca di quel software che è di uso comune presso la maggior parte dell'utenza.
E' un sistema operativo dal futuro molto promettente e potrebbe davvero essere non solo in grado di rimpiazzare la concorrenza commerciale, ma anche di rivaleggiare con Linux e BSD.
Dobbiamo dare solo tempo al tempo.
Complimenti agli sviluppatori!

Indice | Torna in alto