*Linux Guide

openSUSE 11.2 GNOME LiveCD

Premessa

OpenSUSE fa parte della storia di Linux e, se non proprio la versione open, il suo progenitore - SuSE, che da qualche anno è una distribuzione di classe enterprise - ha riscosso nel mondo un discreto successo. Le basi di openSUSE hanno una lunga storia e moltissimi degli utenti Linux di oggi, hanno avuto a che fare od hanno usato SuSE in passato. Io stesso feci la prima conoscenza di Linux proprio con una versione di SuSE, precisamente la 6.3.
Tema di questa recensione è la versione 11.2 uscita molto recentemente, quale risultato finale di un lungo sviluppo, di ben otto mesi, e che ha portato alla produzione di un sistema di livello eccellente.
Le vicende che hanno legato SUSE a Novell e questa a Microsoft®, mi avevano sempre tenuto alla lontana da questo progetto e ancora non mi fido del tutto, ma osservando il ciclo di sviluppo, leggendo le ottime recensioni ed essendo curioso al riguardo di ogni distribuzione desktop, ne ho voluto fare conoscenza. Ho scelto la versione provvista di GNOME, quale ambiente desktop predefinito, sebbene openSUSE sposi KDE da sempre.
Vediamo quindi cosa può offrirci questa distribuzione

Nome e Tipologia

openSUSE 11.2 GNOME LiveCD è una distribuzione Linux live/installabile, orientata al desktop, derivata da SuSE Enterprise Linux, per architettura i686/x86-64 ed indicata a qualsiasi tipo di utenza, con particolare orientamento a principianti e inesperti.
Kernel : Linux linux 2.6.31.5-0.1-default #1 SMP

Test

Il test è avvenuto in sessione Live, senza installazione, su un laptop BenQ R23E. Le periferiche e l'hardware del computer sono stati opportunamente riconosciuti e configurati e magicamente anche la risoluzione dello schermo è stata riconosciuta perfettamente, non richiedendo nessun tipo di adattamento, cosa che non accadeva da tempo e con molte altre distro.
Anche la chiavetta HUAWEI E1692, per la connessione al Web, è stata subito riconosciuta e montata, pronta per la connessione attraverso il Network Manager.
Non sono state applicate modifiche alle impostazioni di boot, se non quelle di scelta della lingua.

  • Riconoscimento e caricamento del kernel = OK
  • Efficacia dei tasti funzione = OK
  • Avvio del server X = OK
  • Risoluzione video = OK
  • Opzione lingua italiana = OK
  • Opzione tastiera italiana = OK
  • Automount dei dispositivi = OK

Opzioni e Tempi di caricamento

Appena riavviato il pc con il CD di openSUSE, si accede ad un menu di avvio dove ci sono le seguenti voci

  • openSUSE Live (GNOME) - per avviare il sistema con le impostazioni predefinite e ambiente GNOME
  • Installation - per procedere ad installare openSUSE direttamente senza avviare la sessione Live
  • Check installation media - per controllare la integrità dei dati nel CD
  • Boot from Hard Disk - per avviare il sistema presente nell'hard disk
  • Memory TEST - per effettuare un test della memoria RAM
I tasti funzione disponibili sono:
  • F1 Help - per avere aiuto sull'uso dei vari cheatcodes necessari in caso di disfunzionamento del sistema
  • F2 Language - per scegliere la lingua preferita (l'italiano è totalmente supportato)
  • F3 Video - per scegliere la risoluzione schermo adeguata. Nel mio test la risoluzione è stata impostata automaticamente
  • F4 Kernel - per avviare il sistema usando delle impostazioni specifiche del kernel, specie in presenza di hardware non totalmente supportato

Io ho semplicemente scelto la lingua italiana e premuto il tasto INVIO.
Il caricamento del sistema è abbastanza rapido e viene coperto da una schermata grafica molto semplice, ma elegante, con una barra di caricamento sottile, ma evidente.
Non sono state richieste configurazioni intermedie e il caricamento è avvenuto del tutto fluidamente. Il caricamento di GNOME ha invece richiesto diverso tempo (una 20na di secondi) e senza una splash iniziale.
openSUSE non è mai stato un sistema particolarmente rapido e la lamentela dei molti utenti a questo riguardo, ha prodotto dei risultati. Il sistema giunge a completamento nei tempi che appartengono anche ad altre distro, circa due minuti; un tempo decisamente accettabile.

Ambiente grafico ed Aspetto

Il gestore dell'ambiente desktop è GNOME nella versione 2.28.0 ed è una versione molto performante. Tipicamente la scrivania di GNOME è molto ordinata e pulita e solo poche icone vengono mostrate nell'angolo sinistro alto dello schermo (Home, Cestino, Live Installer). Sono icone belle e classiche.
Lo sfondo della scrivania non poteva che avere una colorazione tipicamente verde, noto colore testimonial di questa distribuzione. E' uno sfondo bello, semplicissimo e senza distrazioni.
La scrivania è stata ampiamente ritoccata ed è presente il solo pannello inferiore dove, a partire da sinistra, è presente il pulsante del menu principale, l'icona di Tomboy, l'applet di elenco delle finestre aperte, il system tray con le icone per la configurazione delle risoluzione dello schermo, l'icona di stato della batteria, l'applet del network manager, la regolazione volume audio (a zero predefinitamente), il pager a quattro desktop, l'orologio con datario e il tasto per l'accesso rapido alla scrivania. E' un pannello molto simile a quello di Windows® e gli utenti provenienti da quel sistema, potranno più facilmente familiarizzare con openSUSE.
Il Menu principale merita una trattazione a parte e, finora, è l'unico fatto così, che mi sia capitato di vedere. La scelta di dare al pulsante di accesso, il nome "Computer" non è proprio intuitiva; forse "Menù" era meglio. Comunque cliccando sul pulsante "Computer" si accede ad un menu diviso in aree che, come potete vedere nella figura sottostante, sono le seguenti:

Il menu di openSUSE

  1. Filtro di ricerca - Nel quale poter cercare sia programmi che file nel sistema
  2. Risorse del Computer - Dove poter scegliere quale area consultare (Applicazioni per i programmi, Documenti per accedere ai documenti recenti e/o a quelli preferiti, Risorse per accedere al file system, alle periferiche montate, alle cartelle, ecc.)
  3. Applicazioni Preferite - Dove sono elencate le applicazioni di più frequente impiego, scelte dall'utente
  4. Applicazioni recenti - Dove sono elencate le applicazioni che sono state impiegate più di recente
  5. Altre applicazioni - Per accedere alla schermata dove sono collocate tutte le applicazioni e gli strumenti disponibili (come potete vedere nella figura sottostante)
  6. Sistema - Dove potere effettuare quelle funzioni e quelle azioni di modifica del sistema (installazione pacchetti, Centro di controllo, spegnimento, accesso a YaST, ecc.)
  7. Stato - In cui poter effettuare dei controlli e delle modifiche (come configurare la rete o accedere ad essa)

Le applicazioni in finestra separata

Sinceramente non ho trovato molto pratico l'accesso a tutte le applicazioni in finestra separata, ma di certo il menu principale è molto ben organizzato, facile da capire e usare e assolutamente suscettibile di personalizzazioni e adattamenti.
Le finestre delle applicazioni sono sobriamente decorate e la barra del titolo possiede un effetto sfumatura elegante, ma non pacchiano. Le barre degli strumenti sono provviste di icone con il testo affiancato.
Gli effetti 3D del desktop sono disabilitati predefinitamente, ma possono certo essere abilitati passando attraverso il Centro di Controllo. In esso la finestra di gestione degli effetti è provvista di tutto e l'utente può applicare diverse personalizzazioni.

Il desktop di openSUSE

Dotazioni software

openSUSE è un sistema ricchissimo di software per svariate applicazioni e gli strumenti di controllo, adattamento, personalizzazione, ottimizzazione ed espansione sono a decine. Basti solo accennare a quello che altri sistemi invidiano a openSUSE, YaST. Questo è un Centro di Amministrazione assoluto del sistema, in grado di incidere su ogni singolo aspetto del sistema fin nel minimo dettaglio. A mio parere non ne esiste un'altro che possa reggerne il paragone, se non forse il Centro di Controllo di Mandriva.
In ogni caso openSUSE permette all'utente di soddisfare le sue esigenze di:

  • Ufficio - con la faraonica suite OpenOffice.org completa di tutto
  • Grafica - con la presenza di Cheese per effettuare scatti con la WebCam, di F-Spot per la organizzazione delle immagini e compiti di modifica semplice delle medesime, di Eye of Gnome con funzioni di visualizzazione semplice delle immagini, del potentissimo GIMP per la grafica bitmap e di XSane per lo sfruttamento adeguato dello scanner
  • Internet e Rete - con l'uso di Ekiga per la telefonia VoIP, di Firefox per la navigazione in internet, di Pidgin per la messaggeria istantanea, di Transmission per lo scambio di file BitTorrent, di XChat IRC per le chiacchiere in rete, di Liferea per leggere notizie e di Evolution per la gestione delle propria posta elettronica
  • Multimedialità - con l'uso di Banshee per la gestione e l'ascolto di musica, di Brasero per produrre CD e DVD di vario genere, di Totem per la visione di film. Da ricordare che openSUSE non fornisce predefinitamente i codecs proprietari per la fruizione di contenuti multimediali come file mp3 e DVD criptati. Questi codecs andranno installati successivamente alla installazione
  • Altre necessità - con la presenza di decine e decine di strumenti e programmi tutti da scoprire e usare. Voglio ricordare CUPS per la gestione di stampanti e processi di stampa, GnomeDo quale strumento di ricerca e usabilità del sistema, GPK-Application per l'installazione semplice di applicazioni e programmi (quello che in Ubuntu sarebbe il Software Center), un programma per la gestione del cellulare (con possibilità di inviare e ricevere messaggi SMS), SaX2 per la configurazione del server X, Midnight Commander per i nostalgici del File Manager a doppio pannello, i ben 19 giochi disponibili per i momenti di divertimento
Installare openSUSE passa attraverso un installer grafico di grande potenza e semplicità d'uso, di cui però non tratterò in questa occasione.

Applicazioni in openSUSE

Usabilità

L'usabilità di openSUSE è molto elevata già a partire dalla scrivania con poche icone, uno sfondo tranquillo ed un solo pannello, il che favorisce gli utenti abituati a Windows.
Il menu principale è assai ben organizzato e da lì, l'utente ha l'accesso ad ogni angolo del sistema, non solo ai programmi di cui può disporre.
Praticamente ogni voce del menu è provvista di indicazione di finalità sia nella voce stessa, sia attraverso un testo alternativo esplicativo. Dato il perfetto supporto alla lingua italiana, l'utente non avrà a che fare con idiomi esteri nemmeno nelle parti più intime del sistema.
La reattività del sistema in seduta live è molto buona e i tempi di latenza agli input sono molto contenuti. openSUSE non è un sistema adatto al recupero di dati da sistemi installati e la sua portabilità è dipendente dalle caratteristiche hardware del PC. Computer datati potranno avere molte difficoltà a far funzionare bene openSUSE live.
La dotazione software è eccellente e l'utente è praticamente soddisfatto in tutte le necessità informatiche più comuni.
L'intuitività è di elevato livello e sono presenti anche presidi a favore della accessibilità per utenti disabili (Orca).

Il menu di openSUSE

Pregi

  • Sistema molto ben sviluppato e con ampio periodo di testing
  • Ottima organizzazione, ordine, pulizia, personalizzabilità e usabilità
  • YaST è un centro di Amministrazione inimitabile e potentissimo
  • Ottima dotazione software
  • Ottima compatibilità hardware
  • Impatto contenuto sulle dotazioni hardware del sistema

Difetti

  • Il touchpad del mio laptop non era del tutto funzionante
  • Mancanza dei codecs
  • Estetica migliorabile

Perchè usare questa distro

  • Per addentrarsi nel mondo Linux con facilità e soddisfazione
  • Per avere un sistema moderno, solido, affidabile e con un ottimo supporto
  • Per avere un sistema con perfetto supporto all'italiano
  • Per avere un sistema che si installa del tutto graficamente
  • Per avere un sistema di cui è possibile controllare tutto ed in modo grafico

Links utili

Conclusioni

openSUSE è un sistema eccellente, pronto all'uso, facile, ricchissimo, personalizzabile, adattabile, adatto agli inesperti e con un supporto online di prima importanza. Non ci sono tante altre cose da dire al riguardo di questo software, solo l'invito a provarlo e ad usarlo.
L'impegno applicato dagli sviluppatori e dall'immensa comunità di utilizzatori, lo si potrà capire solo ammirando e usando questo sistema ampiamente in grado di sostituire il vostro sistema commerciale.
Complimenti e ringraziamenti agli sviluppatori per questo eccezionale prodotto del software libero.

Indice | Torna in alto