*Linux Guide

Toorox 01.2011

Premessa

Fino a ieri non ero mai stato in grado di installare alcuna distro basata su Gentoo e mi dispiaceva. C'erano sempre stati dei problemi di risoluzione video, di server grafico e di altri aspetti. Sabayon si era sempre rifiutato di funzionare nelle svariate versioni uscite negli ultimi anni.
L'uscita di Toorox di qualche giorno fa (9 febbraio 2011), mi ha stuzzicato ed ho proceduto al download della ISO di circa 1.5 GB. Ne è venuta fuori una sorpresa a dir poco entusiasmante, che vi racconterò nei prossimi paragrafi.
Buona lettura :-)

Nome e Tipologia

Toorox 01.2011 è una distribuzione Linux Live/Installabile sviluppata in Germania, orientata all'uso desktop, basata su Gentoo Linux, per architetture a 32 e 64 Bit. E' una distribuzione assolutamente indicata anche per utenti di medio/bassa cultura Linux e non necessita di particolari conoscenze ed esperienze per installazione e uso.
Kernel: Linux Toorox 2.6.37-gentoo

Test

Il test è avvenuto sia in sessione Live che a seguito di installazione su un PC desktop con queste caratteristiche. Tutte le periferiche e l'hardware sono stati riconosciuti e adeguatamente configurati. Non sono state applicate modifiche ai settaggi e il sistema si è avviato linearmente sia in sessione live che una volta installato.
Occorre segnalare però che all'avvio della sessione live, durante il caricamento del server grafico e del desktop manager, il sistema sembra fallire queste funzioni. Invece, dopo circa 30 secondi tutto funziona bene e la risoluzione viene correttamente definita e applicata.
Il sistema procede correttamente a riconoscere tutte le partizioni presenti nel disco che vengono segnalate, ma non montate e l'automount dei dispositivi funziona correttamente.

  • Riconoscimento e caricamento del kernel = OK
  • Avvio del server X = OK, ma con qualche tentennamento iniziale
  • Risoluzione video = OK
  • Opzione lingua italiana = NO
  • Opzione tastiera italiana = OK
  • Automount dei dispositivi = OK

Installazione

Ho proceduto alla installazione del sistema su disco già partizionato, che rappresenta sempre la condizione preferibile. Dopo il caricamento della sessione Live, dopo aver controllato che tutto fosse a posto e dopo aver valutato sommariamente la bontà del sistema, ho cliccato due volte sull'icona di installazione presente sul desktop.
Una prima finestra avverte che si tratta di un software sperimentale e che l'utente si assume la responsabilità di eventuali disfunzionamenti. Ho accettato di proseguire.
L'installer prosegue con la fase di definizione della partizione di destinazione, mentre la partizione di swap viene automaticamente riconosciuta. Ho quindi proceduto a seguire i vari passaggi, in inglese, stabilendo che fosse la partizione /dev/sda6 quella in cui annidare il sistema.
Ho quindi impostato il filesystem (ext4) e confermato.
Ho poi impostato il nome dell'utente, la sua password e quella di amministrazione.
A questo punto l'installer ha proceduto ad installare tutto il sistema e ci sono voluti circa 10-12 minuti per completare questa fase.
Infine ho scoperto che l'installer permette non solo di installare il proprio bootloader, ma di correggere quello eventualmente già presente, di usare una partizione diversa dall'MBR, dove installare il GRUB o di uscire dalla fase di installazione del bootloader. Io ho scelto l'opzione di modificare il bootloader già attivo, collocato nella partizione di CrunchBang.
Alla fine una finestrella indica che tutto è stato eseguito con successo.

Devo proprio dire che l'installer di Toorox è un software veramente ben fatto, semplice, intuitivo anche se in inglese, efficiente ed efficace, con quell'opzione di correzione di un GRUB già esistente, che manca a tutti gli altri installer che conosco.
Al riavvio avevo lo stesso GRUB installato da CrunchBang, con la seconda voce relativa a Toorox. Una bellezza!

Opzioni e Tempi di caricamento

Una volta masterizzato un DVD con la ISO di Toorox alla velocità di 4x, ho riavviato il PC con il DVD nel lettore.
Ho avuto accesso alla schermata di boot, in forma testuale, dove sono presenti molte opzioni di avvio, la prima delle quali è quella per passare dalla lingua tedesca a quella inglese. Basta premere INVIO e la schermata diviene in inglese.
Le altre opzioni si riferiscono tutte alla risoluzione dello schermo, sia per schermi LCD che CRT. Io ho scelto quella adatta al mio schermo (1280x1024) e premuto INVIO per far caricare il sistema.
Questo avviene con una schermata testuale, nella quale i messaggi scorrono velocemente fino alla fase di caricamento di GDM. Qui il sistema sembra fallire, tanto che compare diverse volte la schermata che avvisa che Xorg ha delle difficoltà. Lo schermo mostra svariati lampeggiamenti che testimoniano i tentativi di trovare una soluzione che, effettivamente, viene trovata ed il desktop compare d'incanto alla corretta risoluzione scelta preliminarmente.
Per via di quanto descritto sopra, il tempo totale di caricamento in sessione Live, va ben oltre i due minuti.
Una volta installato, invece, Toorox si avvia in poche decine di secondi, con accesso automatico, senza finestra di Login.

Ambiente grafico ed Aspetto

L'ambiente desktop è curato da Gnome nella versione 2.32.1. La scrivania mostra uno sfondo molto ricercato e dai colori ben mescolati, con qualche finezza grafica ed effetti speculari eleganti e curati. Le icone sul desktop sono alcune (Computer, Home, Toorox IRC, Gestore dei processi ed il cestino) e molto carina è la screenlet dell'orologio, che mostra un orologio analogico ben definito. L'altra screenlet è quella relativa ai volumi montati, posta al lato destro dello schermo.
Il pannello inferiore è provvisto dei soliti tre menù di Gnome, mentre alla destra sono presenti le icone per lo Starter, per il Pannello di Controllo, per il Terminale, per il File Manager, per il browser (IceCat). Alla estrema destra sono presenti le applet per le screenlets, per il Network Manager, per il calendario e per il cestino. Insomma un pannello utile e funzionale.
Le finestre delle applicazioni sono ben decorate, con ottimi effetti di luminescenza. Gli effetti 3D sono già disponibili, una volta scaricati i drivers adeguati alla scheda grafica posseduta dall'utente.

Come appare dalla immagine sottostante, gli sviluppatori hanno voluto dare l'aspetto di KDE a Gnome e ci sono in parte riusciti, abbinando la bellezza alla usabilità. Un ottimo lavoro!

Il desktop di Toorox

Dotazioni software

Definire Toorox un sistema ricco non è sufficiente. Toorox è un sistema provvisto di tutto quanto possa desiderare un utente medio, cmpresi i programmi di sviluppo. Fare un elenco completo di quanto offerto dal sistema in oggetto è impossibile, per cui mi limiterò ad elencare parte della dotazione. Per le esigenze di Ufficio e produttività, sono disponibili i seguenti programmi:

  • Evolution - per la pianificazione, la rubrica, le mail e la gestione degli impegni
  • Thunderbird - per la getsione della posta
  • OpenOffice.org al gran completo, compreso il programma di gestione della stampa
  • XGnokii - per la gestione del proprio telefonino cellulare
Per la Grafica sono disponibili i seguenti programmi:
  • GIMP - il noto editor per grafica bitmap
  • FontForge - per la creazione e la gestione dei fonts
  • XSane - per l'impiego del proprio scanner
  • Documenti Viewer - per la visualizzazione di documenti multipli
  • Eye of Gnome - per la visualizzazione delle immagini
Per la Connettività, la Navigazione ed il Social Networking, l'utente ha a disposizione:
  • Deluge - per il file sharing su protocollo BitTorrent
  • Ekiga - per la telefonia VoIP
  • Empathy - per la messaggeria istantanea
  • gFTP - per la gestione dei file su server
  • IceCat - per navigare nei siti web
  • Liferea - per la lettura dei feed RSS
  • Pidgin - per la messaggeria multiprotocollo
  • XChat IRC - per le chiacchiere in rete
  • Zenmap - per scovare falle di sicurezza in rete
Per le esigenze Multimediali, Toorox offre molto:
  • Ardour - Per produzione e modifica file audio
  • Audacious - per la riproduzione musicale con uno strumento leggero e minimalista
  • Audacity - per la modifica delle tracce audio e per registrare
  • Sound Juicer - per estrarre le tracce audio da un CD
  • Brasero - per masterizzare CD e DVD con pratiche sezioni a progetto
  • Cheese - per la gestione e l'uso della webcam
  • Cinelerra - per l'editing video
  • Exaile - per la riproduzione musicale
  • Kino - per l'editing di tracce video digitali
  • Totem - per riprodurre film e musica con effetti visivi

Le Altre applicazioni contemplano decine di strumenti e programmi di varia utilità e tra queste spicca il Virus Scanner per diagnosticare la presenza di malware in oggetti ricevuti da utenti Windows, il Time Tracker per la tracciatura delle proprie attività al computer, Starter per facilitare la vita ai principianti, indicando loro come fare per completare specifici compiti, una vera sciccheria molto utile.
Sono presenti anche i soliti Giochi di Gnome, per passare qualche minuto in relax.

La gestione dei pacchetti è sostenuta da Portato, un programma grafico molto utile e potente per installare programmi. Vale la pena indicare l'impiego di questo strumento, che si raggiunge seguendo questo percorso:

Applications → System Tools → Portato

  1. Inserire il nome del programma nella barra di ricerca e premere INVIO
  2. Nell'area dei pacchetti, individuare quello preferito e controllare la versione nell'area al fianco destro
  3. Selezionare il pacchetto e cliccare sul pulsante con la croce per aggiungerlo alla lista dei programmi da installare
  4. Cliccare sul pulsante "Execute" per avviare il download e la installazione
  5. Attendere che compaia la notifica sul desktop di avvenuta installazione
a notare che il processo di installazione viene mostrato a schermo ed ha una durata un pochino lunga, ma tutto funziona alla perfezione.

Portato

Il Pannello di Controllo ha una icona di avvio nel pannello ed è un vero e proprio strumento a tutto tondo. Indispensabile!

Altra nota degna di attenzione è l'installazione dei Codecs. Questi non sono installati predefinitamente, ma la loro installazione è facilissima. Basta andare nel pannello di controllo, avviare la connessione a internet e cliccare sui pulsanti MP3, Multimedia Libs e Flash-Plugins che si trovano nella parte bassa del pannello. La loro installazione procede fluidamente, ma dura molto (circa 5 minuti) e viene mostrata in un terminale. Alla conclusione tutto funziona e si possono ascoltare e vedere tutti i file multimediali.

Che dire? Toorox fa di tutto per facilitare l'utente, sia nel disporre di quanto gli possa servire fin da subito, sia nella delicata fase di installazione di software aggiuntivo. Un sistema molto rassicurante!

Il menu

Usabilità

I progettisti e gli sviluppatori di Toorox hanno migliorato notevolmente la già notevole usabilità di Gnome, applicando soluzioni e strumenti che fanno di tutto per spianare la strada verso l'installazione.
Il sistema è molto ben organizzato. La scrivania ha le icone utili per gestire il sistema e le proprie necessità ed anche il pannello è assai ben organizzato, mostrando i lanciatori per le applicazioni di maggiore utilità.
Il menù principale è ben organizzato e le voci al suo interno sono adeguatamente provviste del testo illustrativo, che favorisce il nuovo utente a capire le finalità dei vari programmi e strumenti.
Il supporto alla lingua italiana non è disponibile e al momento della stesura di questa recensione, non sono riuscito a capire come fare, pur avendo modificato il file di localizzazione.
La reattività in sessione live è buona per divenire eccellente una volta installato. Colpisce la rapidità con cui vengono montate le periferiche ed i volumi esterni, praticamente all'istante. Anche la connettività è molto, molto veloce.
Le dotazioni software sono di tale ricchezza e utilità, che è assai difficile che un utente abbia bisogno di installare altro.
L'intuitività è molto elevata, grazie a Gnome, se poi a questo aggiungiamo l'utilissimo strumento Starter, che aiuta il novizio a compiere le proprie necessità, si può dire che l'intuitività di Toorox è di elevatissimo livello. Per queste ragioni va detto che Toorox può essere tranquillamente indicato anche a principianti di Linux e che il sistema può essere messe sullo stesso piano di Ubuntu, Linux Mint, Mandriva e openSUSE.

Pregi

  • Basato su Gentoo
  • Gnome quale ambiente desktop
  • Impatto molto modesto sulle prestazioni del computer
  • Grande usabilità
  • Facile installazione

Difetti

  • Incertezza nel caricamento del desktop manager
  • Assenza di documentazione sul sito

Perché usare questa distro

  • Per avere una distro basata su Gentoo
  • Per avere un sistema scattante, poco impegnativo per il PC
  • Per iniziare bene la propria avventura con Linux

Links utili

Conclusioni

Come detto ad inizio articolo, nessun esperimento con altre distro basate su Gentoo aveva dato esito positivo. C'era sempre qualcosa che non funzionava. Toorox si è rivelato la soluzione ed è, senza timore di smentite, una distribuzione per tutti. Ad installazione avvenuta è un sistema che non richiede molte risorse al computer, anche con molte applicazioni aperte, è reattivo, veloce, curato e facile da usare. Violando la tradizionale difficoltà di Gentoo in fase di installazione, Toorox lascia meravigliati per efficienza ed efficacia e non ha nulla da invidiare a sistemi ben più conosciuti.
Devo dire che se opportunamente conosciuta dal pubblico di Linux, potrebbe divenire una killing distro in grado di assurgere a grande diffusione.
Complimenti vivissimi agli sviluppatori :-)

Indice | Torna in alto