Salta il menu
*Guida ad ArchBang - Note di consultazione

Home >

Note Generali

  • Questa guida è dedicata al sistema operativo ArchBang e non è una Guida ufficiale.
  • ArchBang consente all'utente di impiegare le applicazioni sia attraverso una Graphical User Interface (GUI) a menu o attraverso una interfaccia a linea di comando (CLI). In ArchBang il Terminale si lancia così:
    1. Click con il tasto destro del mouse su un area vuota del desktop
    2. Nel menù che compare, cliccate sulla voce "Terminal"
    oppure premete i tasti Super+Barra spaziatrice per far comparire il menù e poi cliccate sulla voce "Terminal".
  • Legenda dei comandi:

    Il testo rosso dentro a un area grigia dai bordi tratteggiati, è il testo da digitare nel Terminale

  • Molti cambiamenti al sistema operativo possono essere fatti solo da un utente con privilegi di amministrazione. 'sudo' eleva temporaneamente i privilegi di un utente a quelli di amministratore (ad esempio quando vengano installati dei programmi o vengano effettuate modifiche al sistema). Esempio:

    sudo bash

  • 'gksudo' dovrebbe essere usato al posto di 'sudo' quando venga lanciata una applicazione grafica attraverso il box di dialogo "Esegui Applicazione". Esempio:

    gksudo leafpad /etc/X11/xorg.conf

  • Il comando "man" può essere usato per trovare il manuale di un comando. Per esempio, "man sudo" mostrerà la pagina del manuale del comando "sudo":

    man sudo

  • Installare programmi/pacchetti avviene attraverso l'uso del Terminale. In questa guida installare un programma ha la seguente sintassi:

    sudo pacman -S pacchetto

  • Molte istruzioni fanno uso dell'editor di testo "nano" (che è sempre disponibile in Linux). Tuttavia, è spesso più facile usare l'editor testuale "leafpad" in ArchBang.

Come sapere quale sia il kernel in uso

uname -a

Indice | Succesiva

Torna in alto