Salta il menu
*Guida openSUSE 11.3 - Partizionamento

< Home >

1. Il Partizionamento

L'installazione di un qualsiasi sistema Linux prevede che il disco fisso del computer sia partizionato, ovvero che venga suddiviso in settori che accolgano le componenti del sistema installato e che rendano ottimale l'uso di un sistema Linux. Anche openSUSE prevede, per la sua installazione, che il disco fisso sia partizionato a dovere.

Idealmente sono sufficienti/obbligatorie due partizioni :
- Partizione di Root, nella quale viene insediato il sistema e il suo ile system
- Partizione di Swap, nella quale transitano i dati in aiuto alla memoria RAM
Tuttavia è possibile procedere ad un partizionamento più efficiente e utile :
- Partizione di Root
- Partizione /home, nella quale custodire i file di configurazione e personalizzazione, nonché i file propri dell'utente (documenti, film, musica, disegni ed altro)
- Partizione di Swap
Il primo tipo di partizionamento è anche quello più semplice da eseguire, ma è quello che, in caso di reinstallazione o di cambiamento di sistema operativo, comporta automaticamente la completa distruzione dei dati, delle personalizzazioni e dei documenti.
Il secondo tipo di partizionamento è un pochino più complesso da fare, ma permette di avere in una partizione a parte tutte quelle cose che non si vogliono rifare/reinstallare in futuro.

1.1 Strumenti per il partizionamento

openSUSE mette a disposizione uno strumento molto efficace per il partizionamento del disco fisso: YaST2 - Partizionatore
Per aprire questo strumento seguite il percorso:

Menù → Computer → YaST → Partizionatore

E' uno strumento con interfaccia grafica che ha le capacità di gestire le partizioni del disco potendone modificare le dimensioni e il file system interno. E' uno strumento complesso che richiede moltissima attenzione, al fine di evitare di perdere dati e rovinare sistemi già installati.

*

*

Queste immagini mostrano tutte le partizioni del disco fisso selezionato. Se il disco fisso è utilizzato per esempio da un BIOS RAID o da un multipath, nessuna partizione verrà mostrata qui.
La tabella contiene:
  • Dispositivo - Che mostra il nome del dispositivo del kernel.
  • Dimensione - Che mostra la dimensione del dispositivo.
  • Formato - Che mostra alcuni flag: C indica che la partizione è cifrata. F indica che la partizione è selezionata per la formattazione.
  • Tipo - Che da una panoramica generale riguardo il tipo di dispositivo.
  • Tipo FS - Che mostra il tipo di file system.
  • Etichetta - Che mostra l'etichetta del file system.
  • Punto di Montaggio - Che mostra dove il file system è montato. Un asterisco (*) dopo il punto di montaggio indica un file system attualmente non montato, (ad esempio perché è stata impostata l'opzione noauto in /etc/fstab).
  • Cilindro iniziale - Che mostra il cilindro iniziale della partizione.
  • Cilindro finale - Che mostra il cilindro finale della partizione.

NON usate lo strumento se non disponete di tempo e tranquillità per seguire le indicazioni. La fretta non porta MAI a buoni risultati
PRIMA di agire sul disco, o ridimensionare, o cancellare delle partizioni è consigliato effettuare un backup di ogni cosa che vi sta a cuore. Dimenticare di fare ciò potrebbe portare alla perdita irrimediabile di tutto quanto contenuto nell'hard disk del vostro computer.

È necessario individuare il disco interno (Dischi rigidi) nella colonna a sinistra, controllarne le condizioni e le partizioni attualmente presenti (nella colonna a destra). Se è disponibile spazio libero su disco, basta cliccare su "Aggiungi" e seguire le istruzioni a schermo.
Se è necessario ridimensionare una partizione per creare spazio libero dove installare openSUSE, è necessario cliccare su "Ridimensiona" e seguire le istruzioni a schermo.
Se fosse necessario spostare una partizione, è necessario cliccare sul pulsante "Sposta" e seguire le istruzioni a schermo.
Sia nel secondo, che nel terzo caso, l'operazione potrebbe durare molto a lungo (decine di minuti) anche in funzione delle dimensioni delle partizioni e dei contenuti delle medesime.

Al termine delle operazioni, è consigliabile/necessario riavviare il PC, per indicare al kernel le modifiche applicate al disco.

Gli attuali sistemi Microsoft® (Vista e Seven), vengono installati in modo tale da occupare quattro partizioni primarie, che corrispondono al massimo numero possibile di partizioni primarie. Ciò rende impossibile la installazione di openSUSE. Prima di avviare qualsiasi tipo di ripartizionamento, controllare bene la propria situazione all'interno dell'hard disk e chiedere consigli presso i forum disponibili in rete.

Precedente | Indice | Successiva

Torna in alto