*Linux Guide

Cinnamon su Linux Mint 12

--> English version <--

Dopo l'uscita di Lisa, la 12ma versione di Linux Mint, dotata di Gnome 3 Shell adattato per riprendere un po' l'ambiente desktop più amato dagli utenti, le sensazioni di apprezzamento da parte del pubblico sono state contrastanti. Chi ama Mint con Gnome Shell MGSE (Mint Gnome Shell Enhancement) come me e chi invece ha cercato subito di liberarsene con l'uso di MATE o cercando di applicare delle modifiche al desktop, nel limite del consentito.
Clement Lefebvre ha iniziato e portato avanti lo sviluppo di un altro progetto di interfaccia desktop, proprio in base a questo contrastato apprezzamento della nuova release. Il progetto si chiama Cinnamon e nei suoi obiettivi ci sono:

  • somiglianza e comportamento più stretti possibile con il vecchio desktop Gnome 2
  • personalizzazione più facile
  • ripristino dello splendore del vecchio Mint Menu
Per poter capire che strada stia intraprendendo il patron di Mint, ho voluto provare Cinnamon. Per chi volesse provarlo su Mint 12, segua questi passaggi:
  1. Da Terminale, date questo comando

    sudo apt-get update

    e premete INVIO
  2. Sempre da Terminale date questo comando:

    sudo apt-get install cinnamon-session

    e premete INVIO
  3. Confermate digitando "s" quando vi viene chiesto se installare tutti i pacchetti necessari e premete INVIO
  4. Al termine effettuate il logout e poi un nuovo login
  5. Nella schermata di login, scegliete la sessione Cinnamon, dal menù che si apre cliccando sulla icona a ruota dentata
  6. Fatto

Tenete presente che Cinnamon è ancora in fase di sviluppo, quindi le mie conclusioni e le mie esperienze sono, oltre ad una personale opinione, il risultato dell'impiego di un software non ancora maturo.

Il Pannello

Cinnamon ha una interfaccia sostanzialmente diversa da MGSE, ma nemmeno troppo. Manca il pannello superiore che molti consideravano superfluo, anche se altri consideravano superfluo il pannello inferiore. Con Cinnamon si è tornati all'unico pannello inferiore e questo conforta gli utenti, ma è una opzione che si poteva ottenere anche con MATE.
Alla sinistra è presente il tasto per accedere al menù, il tasto per accedere al desktop, tre lanciatori delle applicazioni più usate (Firefox, Terminale e Nautilus) e l'elenco delle finestre aperte.

*

A destra ci sono le solite applet per il Gestore degli aggiornamenti, quella del volume audio, quella del Network Manager, l'orologio e il pager.

*

Questo unico pannello non è configurabile semplicemente come in precedenza. Non si può fare nulla e il tasto destro è disabilitato. Dal comunicato di Clem si evince che in futuro ci sarà un Centro di Controllo apposito proprio per Cinnamon, dove dovrebbe essere possibile personalizzare questo pannello, ma attualmente non è così, quindi prendere o lasciare.
Per poter aggiungere un lanciatore a tale pannello, occorre aprire il menù principale, individuare il lanciatore desiderato, cliccare su esso con il destro e cliccare sull'opzione "Add to panel".
Non si può fare altro, nemmeno modificarne la posizione.

Il Menù principale

Il menù principale non è nemmeno lontanamente paragonabile al mitico Mint-menu e diciamo che è uguale a quello presente in MGSE con qualche piccola aggiunta. Anzitutto il supporto alla lingua italiana è parziale e solo alcune voci sono in italiano. In esso si distinguono cinque aree:
  1. Applicazioni preferite
  2. Categorie
  3. Programmi
  4. Campo di ricerca
  5. Testo illustrativo

*

Nell'area dei preferiti sono stati introdotti dei lanciatori utilitaristici, come quelli per lo spegnimento del computer, per la chiusura della sessione, per il blocco dello schermo e quello per accedere alle Impostazioni avanzate di Gnome Shell.
Per poter aggiungere una applicazione ai preferiti, occorre cercarla nel menù e poi cliccare sul lanciatore con il destro e cliccare sulla voce "Add to favorites". Ho potuto notare che se un utente aggiunge molti favoriti a questa area, il menù diventa alto come tutto lo schermo e più. Non è proprio una comodità. A questo punto è meglio includere i lanciatori nell'unico pannello presente, sacrificando l'area riservata all'elenco delle finestre.
Il campo di ricerca è virtualmente inutile in quanto non consente la ricerca di file singoli. Si possono cercare applicazioni e cartelle presenti nella home, ma null'altro. Se cerco "Video" mi viene elencata una applicazione e la cartella "Video" presente nella mia home. Se clicco questa, viene mostrata una notifica sul desktop e la finestra di Nautilus, relativa alla cartella Video, viene aperta ma minimizzata, costringendomi a massimizzarla in seguito. Una inutile complicazione.

La Shell

La Shell di Cinnamon è molto cambiata, come potete vedere dall'immagine sottostante.

*

E' sparita l'area dei preferiti ed è rimasta solo l'area delle finestre aperte, mentre la scheda che prima era delle applicazioni, è ora quella dei temi. A proposito di temi, ce ne sono quattro che, a parte quello chiamato Cinnamon, sono pressoché uguali tra loro.
Alla destra il pager mostra i desktop disponibili e il loro contenuto. Diciamo che l'accesso alla Shell è pressochè immotivato. Un bene? Un male? Non so!

Prestazioni

Ho effettuato un po' di paragoni tra Gnome Shell MGSE, MATE, Fallback e Cinnamon, appena avviati e con le medesime condizioni di esercizio. Firefox con due schede aperte, Bluefish con due documenti aperti, GMusicbrowser in funzione, Nautilus puntato sulla cartella Mint-Inside e naturalmente il Monitor di sistema.
Ecco i risultati:
  • G-Shell MGSE: 335 MB di RAM, 30% di CPU
  • MATE: 332.8 MB di RAM 23-24% di CPU
  • Fallback: 329.2 MB di RAM 24% di CPU
  • Cinnamon: 344.5 MB di RAM 28% di CPU
Come si vede Cinnamon non è un progetto attualmente in grado di abbassare i consumi di risorse, ma non si può dire nemmeno che le sprechi e si trova quasi in linea con le altre alternative. Diciamo che non peggiora le condizioni di esercizio da parte del computer.

Conclusioni

Cinnamon è un progetto destinato, sembra, ad avere un seguito e auguro agli sviluppatori un buon lavoro. Attualmente però, Cinnamon non è una alternativa valida alla attuale dotazione di Mint 12 e credo che la sua adozione possa essere dettata solo dalla intolleranza verso MGSE, o verso MATE, o verso la pacifica e confortante sessione Fallback.
E' comunque un piacere vedere come il mondo Linux sia sempre alla ricerca di evoluzione e a chi sviluppa nuove idee, va tutto il mio appoggio e il mio sostegno.
Grazie per questa nuova possibilità! :-)


English Version

After the release of Lisa, the 12th version of Linux Mint with a customized Gnome 3 Shell, the feelings of appreciation from the public have been mixed. Who likes Mint with Gnome Shell MGSE (Mint Gnome Shell Enhancement) like me, and who has been trying to get rid of using MATE, or trying to apply the changes to the desktop. Clement Lefebvre has begun and carried through the development of a new design for desktop interface. The project is called Cinnamon and its goals are:

  • similarity and behavior as close as possible with the old Gnome 2
  • easier customization
  • restore the splendor of the old Mint Menu
In order to understand which way is taking by the Mint founder, i wanted to try Cinnamon. For those who want to try it on Mint 12, follow these steps:
  1. From terminal, take this command

    sudo apt-get update

    and press ENTER
  2. Also from terminal give this command:

    sudo apt-get install cinnamon-session

    and press ENTER Confirm by typing "s" when asked to install all needed packages and press ENTER
  3. Once done logging out and then log back in
    On the login screen, choose the Cinnamon session, from the drop-down menu
  4. Done

Please note that Cinnamon is still under development, so my conclusions and my experiences are, in addition to a personal opinion, the result of using software that is not yet mature.

The Panel

Cinnamon has a substantially different interface, but not so much. Missing the top panel that many considered unnecessary, although others considered superfluous the bottom panel. Cinnamon has backed to the only one bottom panel, but it is an option that could be obtained even with MATE.
At left is the key to access the menu, the "show desktop" button, three launchers of most-used applications (Firefox, Terminal and Nautilus) and the list of open windows.

*

To the right are the usual updates Manager, audio volume, Network Manager applets, the clock and pager.

*

This unique panel is not configured just as before. You can't do anything and right mouse button is disabled. As Clem's post said, in the future there will be a special control center for Cinnamon, where it should be possible to customize this panel, but currently it is not, then take it or leave it.
To add a launcher to this panel, you must open the main menu, locate the desired launcher, right-click on it, and click on the "Add to panel".
You can't do anything else, even change its position.

The Main Menu

The main menu is not even remotely comparable to the legendary Mint-menu and is equal to that present in MGSE, with some small addition. In it are five areas:
  1. Preferred Applications
  2. Apps Categories
  3. Applications
  4. Search Field
  5. Explanatory text

*

In the preferred applications there are some new entries, such as turning off the computer button, logout button, lock screen button, and the Advance Settings button.
To add an application to your favorites, you need to search for it in the menu, then right-click on it, and click on "Add to favorites". I have noticed that if a user adds a lot of favorites in this area, the menu becomes as high as the screen and more. At this point it is better to include them to the panel, sacrificing the area reserved to the windows list.
The search field is virtually useless because it not allows the search for individual files. You can search for applications and folders in the home, but nothing else. If I try to search for "Video", i get an application and the "Video" folder present in my home. If I click this, a notification is displayed on the desktop and the Nautilus window of the Video folder is open but minimized, forcing me to maximize it later. An unnecessary complication.

The Shell

Shell in Cinnamon has changed a lot, as you can see in the image below.

*

The favourites area disappeared and there is only the ​​open windows area, while the tab that was before for applications, is now for themes. About them, there are four. Apart from the one named Cinnamon, other are almost equal.
To the right there is the pager.
We say that access to the Shell is almost useles. A well? An evil? I don't know!

Performances

I made a little comparisons between Gnome Shell MGSE, MATE, fallback, and Cinnamon, and just started with the same operating conditions. Firefox with two tabs open, Bluefish with two documents open, GMusicbrowser running, Nautilus with Mint Inside folder shown, and of course the System Monitor.
Here are the results:
  • G-MGSE Shell: 335 MB RAM, 30% of CPU
  • MATE: 332.8 MB RAM 23-24% of CPU
  • Fallback: 329.2 MB RAM, 24% of CPU
  • Cinnamon: 344.5 MB RAM, 28% of CPU
As you can see Cinnamon is not a project that is currently able to lower consumption of resources, but i can't say that waste them, and is almost in line with other alternatives.

Conclusions

Cinnamon is a project that seems to have a sequel. Currently, however, Cinnamon is not a viable alternative to the current Mint 12 features, and I believe that its adoption could be dictated only by intolerance with MGSE, or with MATE, or with the peaceful and comforting fallback session.
It's still a pleasure to see how the Linux world is always changing, and looking for new ideas.
Thanks for this new opportunity :-)