*Linux Guide

Fare Web - Progetto e Realizzazione - Parte 11

*

Accessibilità in un Flash

I famosi, interessanti e bei files .swf, volgarmente chiamati "filmati Flash" sono oggetti derivanti dall'uso di un programma eccezionale chiamato Flash sviluppato e aggiornato da Adobe. In questo tutorial non affronteremo, nemmeno lontanamente, l'uso di questo strumento ma ci limiteremo ad illustrare come inserire correttamente uno dei files prodotti con Flash, in modo tale che sia tecnicamente rispondente ai concetti di buona codificazione ed a quelli di accessibilità.
Questi files possono risultare molto complessi e racchiudere al loro interno funzioni ed eventi di grande importanza ed estensione, giungendo ad ospitare l'intero contenuto della pagina web. Per essere consultati attraverso un normale browser, questi files devono essere inclusi all'interno di una pagina web codificata con normale codice xhtml e si può affermare che i files .swf dipendono dal codice xhtml che li alloggia. Essendo delle inclusioni all'interno di codice a marcatori, inducono il browser a dover usare altre tecnologie per renderli visibili e questi "additivi" si chiamano plug-in, ovvero innesti e questi plug-in non sono totalmente supportati da tutti gli strumenti adatti alla consultazione del web e possono anche essere disabilitati, il che comporta che un sito costruito interamente con Flash, rischia di divenire totalmente inesistente per chi ha disabilitato o non supporta il plug-in necessario.
Vediamo ora come inserire un file .swf in modo corretto.

Sembrerà strano, ma una volta prodotto un file .swf, questo viene inserito nella pagina web in modo del tutto inadeguato e non rispettoso delle regole dettate dal Consorzio Internazionale per il Web (W3C).
Partiamo da un file prodotto senza modifiche (evidenziato in giallo e sottolineato il codice da modificare e tra parentesi quadre, il tipo di modifica) :


<object [1]classid="classid:D27CDB6E-AE6D-11cf-96B8-444553540000" codebase="http://active.macromedia.com/flash4/cabs/swflash.cab#version=4,0,0,0" id="Movie"[/1] width="635" height="487">
<param name="movie" value="Movie.swf">
[2]<param name="quality" value="high">[/2]
[2]<param name="bgcolor" value="#000000">[/2]
[2] <embed name="Movie3" src="Movie.swf" quality="high" bgcolor="#000000" width="635" height="487" type="application/x-shockwave-flash" pluginspage="http://www.macromedia.com/shockwave/download/index.cgi?P1_Prod_Version=ShockwaveFlash">
</object>[/2]

E' un codice complesso e ricco di cose inutili. Il marcatore <embed> è stato creato da Netscape per gestire gli oggetti. Un codice così realizzato non verrebbe validato dal W3C. La semplice rimozione provocherebbe la scomparsa del file se la pagina viene visualizzata con browser di classe Gecko come Mozilla e Firefox, oggi in fase di grande diffusione. Come fare?
Si tratta di modificare l'intero blocco di codice relativo al file .swf.
Il codice marcato con il numero [1] deve essere modificato mentre quello marcato con il numero [2] deve essere rimosso. Effettuata la rimozione rimane quindi il seguente codice:


<object [1]classid="classid:D27CDB6E-AE6D-11cf-96B8-444553540000" codebase="http://active.macromedia.com/flash4/cabs/swflash.cab#version=4,0,0,0" id="Movie"[/1] width="635" height="487">
<param name="movie" value="Movie.swf">
</object>

Rimane quindi da modificare la sezione di codice marcata con il numero [1] che riceverà un attributo che stabilisce il tipo di applicazione da supportare da parte del browser (type="application/x-shockwave-flash") - in questo caso una applicazione .swf - ed il file da visualizzare (data="Movie.swf"). A lavoro finito l'intero codice dell'oggetto sarà il seguente :


<object type="application/x-shockwave-flash" data="Movie.swf" width="635" height="487">
<param name="movie" value="Movie.swf">
</object>

Il gioco è fatto. Il file sarà visibile su internet explorer, su Opera, Netscape, Mozilla, Firefox, Camino, Icab, Shiira e Safari.

Vediamo quindi come rendere accessibile un file .swf, infatti se l'utente ha disabilitato il plug-in o non lo supporta non può fare nulla per consultare quello che è contenuto nel file suddetto. Si tratta quindi di produrre del contenuto alternativo. Riprendo a questo proposito le stesse parole scritte in un altro articolo che avevo pubblicato.

Inseriremo quindi un oggetto alternativo.
Se il file .swf è un filmato ripetitivo, potremo produrre una Gif Animata semplificata per non esagerare con il peso e la chiameremo "gifalternativa.gif".
Fatto ciò, dovremo annidarla nell'oggetto che contiene il file .swf sotto forma di altro oggetto, come indicato nel box :


<object classid=" ... ">
<param name="movie" value="miofilmato.swf">
<param name="menu" value="false">
<param name="quality" value="high">
<object data="gifalternativa.gif" type="image/gif">
</object>

</object>

Con questa soluzione il filmato .swf sarebbe sostituito dalla Gif animata.
Se al posto della Gif animata, vogliamo inserire un immagine statica per contenere il peso, basterà inserire la stringa giusta e l'estensione adeguata al file scelto (.gif, .jpg, .png).
Se al file .swf vogliamo contrapporre del testo illustrativo basterà inserire il testo come illustrato sotto.

<object classid=" ... ">
<param name="movie" value="miofilmato.swf">
<param name="menu" value="false">
<param name="quality" value="high">
Questo è il testo descrittivo del file che non è stato visualizzato
</object>

Se il file .swf contiene dei collegamenti ad altre pagine del sito od all'esterno di esso, basterà inserire i link come illustrato nel box sottostante.


<object classid=" .... ">
<param name="movie" value="miofilmato.swf">
<param name="menu" value="false">
<param name="quality" value="high">
<a href="http://#" title="Collegamento al primo link">Primo link</a>
<a href="http://#" title="Collegamento al secondo link">Secondo link</a>
<a href="http://#" title="Collegamento al terzo link">Terzo link</a>

</object>

Nel nuovo HTML 5, il file .swf, può essere incluso nella pagina web, impiegando il tag <embed> secondo la seguente sintassi.


<embed src="helloworld.swf" />

Si tratta di un tag nuovo in HTML 5 ed è attualmente supportato su tutti i browser di maggior diffusione.

Abbiamo quindi visto come inserire in modo sintatticamente corretto un file .swf e come renderlo accessibile.
Potete ora scegliere se avventurarvi nelle buone regole dell'Accessibilità, o proseguire con la prossima pagina che vi indica la documentazione online alla quale rifarvi.

<< Precedente | Indice | Successiva >>

Linux Guide | Torna in alto