*Linux Guide

Fare Web - Progetto e Realizzazione - Parte 1

*

Consigli per tutti gli usi

Con gli strumenti indicati si possono fare due cose :
- siti mediocri, pesanti, lampeggianti e inaccessibili;
- siti ottimi, leggeri, belli, disponibili;
entrambi si vedranno su ogni browser, conterranno gli stessi messaggi e piaceranno più o meno allo stesso modo.
E allora per quale ragione si devono fare siti migliori?
Semplicemente perché si farebbe la stessa fatica che farli peggiori!!!
Allora per iniziare bene ci sono dei consigli che un webdesigner dovrebbe tenere in considerazione nella realizzazione di un progetto web in modo da rendere la realizzazione snella e divertente. Ecco l'elenco.

  1. Codice ordinato
  2. Commenti nel codice
  3. Accessibilità
  4. La pagina di base
  5. Il Blocco note
  6. Scripts utili
  7. Leggere e rileggere
  8. Guardarsi in giro
Codice ordinato

Dal momento che fortunatamente non usiamo editor visuali, ma che agiamo direttamente sul codice, è bene che questo sia ordinato e facilmente gestibile; al limite si dovrebbero poter leggere i contenuti anche dal lato codice della pagina. Diciamo quindi che dovremmo divenire come Dozer, il personaggio che in Matrix, guidava i suoi compagni leggendo direttamente il codice di Matrix stessa, sapendo già cosa raffigurava.
L'agilità di una pagina, la sua duttilità e la sua maneggevolezza, sono direttamente dipendenti dall'ordine di codifica in quanto tutte le successive modifiche, gli aggiornamenti e le migliorie diverranno di una semplicità assoluta. Quindi impariamo subito a lasciare in ordine le pagine con un codice ben stilato, spaziato nei suoi vari componenti e provvisto di opportuni commenti.

Commenti nel codice

Sono delle stringhe di codice, ininfluenti alla visualizzazione della pagina, nelle quali si raccontano o semplicemente si identificano le aree di codice relative a precisi elementi della pagina. Questi commenti dovrebbero essere brevissimi e molto chiari. ma soprattutto inseriti correttamente. Un commento si inserisce come si vede sotto :


<!--Commento-->
= = = Codice XHTML = = =
<!--/ Commento-->
Si nota la prima stringa di apertura commentata del codice xhtml, e dopo questo, la seconda stringa di chiusura commentata dello stesso codice.
Le singole aree di codice provviste di adeguati commenti, andrebbero poi adeguatamente distanziate come indicato sotto, al fine di identificarle una volta che si proceda alla modifica o ampliamento del codice stesso.

<!--Commento-->
= = = Codice XHTML = = =
<!--/ Commento-->

<!--Commento-->
= = = Codice XHTML = = =
<!--/ Commento-->
I commenti sono sempre utili specialmente nelle pagine molto complesse o se queste vengono sviluppate da più autori.
Accessibilità

L'Accessibilità non rappresenta mai un valore aggiunto, ma l'essenza stessa del web, il valore intrinseco dell'intelligenza condivisa rappresentata dal web, il vero valore del prodotto che andremo a realizzare.
Fino a tutto il 2003 l'Accessibilità è sempre stato un argomento fantasma ovvero se ne parla, ma nessuno l'ha mai vista.
Dal 2004 l'Accessibilità è un argomento di cui tutti ne vorrebbero afferrare i principi, ma sfuggono le applicazioni vere e proprie.
In questa opera verranno indicati i principi per applicare le regole dell'Accessibilità almeno a livello "Doppia A" delle W-CAG 1.0, le regole attualmente in vigore a livello internazionale. Non insegneremo come accessibilizzare un sito inaccessibile, ma a produrne di già accessibili in modo che siano disponibili a tutti veramente.
Per favorire l'apprendimento delle regole dell'Accessibilità, vi rimandiamo a questa serie di articoli in merito.

La pagina di base

Al fine di sveltire il processo di produzione delle pagine costituenti un sito, è importante produrre una "pagina base" ovvero quella pagina costruita completamente e senza contenuti, che abbia tutte le caratteristiche grafiche e strutturali che dovranno avere tutte le altre. In questo modo sarà possibile produrre nuove pagine del sito senza doverle ogni volta costruire ex-novo. Con un semplice 'copia-incolla' avremo la struttura di una nuova pagina già pronta ad accogliere i contenuti.
Questa pagina matrice verrà nominata "base.htm" o "matrice.htm" o "default.htm" e la useremo ogni volta che dovremo creare un nuovo documento con questa serie di passaggi :

  1. aprire la pagina di base, selezionare tutto il suo contenuto e copiarlo
  2. nell'editor xhtml creare un nuovo documento (file > nuovo) e selezionarne tutto il contenuto
  3. cancellare tutto il contenuto del nuovo documento
  4. incollare il contenuto della pagina di base nel nuovo documento
  5. salvare il nuovo documento con il nome prescelto.
Il Blocco note

Avere sempre a disposizione il Blocco Note è importante nel caso in cui si debbano ripetere stringhe di codice su molte pagine. Prodotta la stringa di codice adeguata, la si seleziona, la si copia e la si incolla nel foglio del blocco note. Questa stringa di codice rimarrà a disposizione anche se si dovrà sospendere il lavoro di incollaggio per fare altre cose.
Il Blocco Note può essere usato anche per archiviare stringhe di codice utili come quelle sotto riportate e che favoriscono l'accessibilità dei contenuti :


<abbr title="Cascading Style Sheet" lang="en">CSS</abbr>
<abbr title="Document Type Declaration" lang="en">DTD</abbr>
<abbr lang="en" title="eXtensible Hyper Text Markup Language">XHTML</abbr>

da inserire al bisogno nei contenuti delle pagine.
Blocco note è importante anche per archiviare cose viste in rete, come scripts, CSS, testi particolari ed altro che sia testuale.

Scripts utili

Malgrado che l'uso esclusivo di xhtml produca pagine universalmente consultabili da chiunque, è indubbio che l'uso di scripts di vario genere ravvivi le pagine web in modo simpatico e utile.
JavaScript, da questo punto di vista, oltre che semplice nelle sue funzioni è anche facile da implementare nelle pagine e dona a queste delle interattività carine, utili e pratiche. Da un punto di vista tecnico, ci sono scripts che agiscono sulla pagina "lato client" ovvero indicando al browser dell'utente di avviare dei processi particolari, quindi non è il server che avvia le funzioni, ma il browser dell'utente.
Gli scripts che agiscono invece "lato server" avviano dei processi che si sviluppano nel server del sito e vengono offerti all'utente già pronti all'uso. I primi richiedono che il browser dell'utente sia abilitato a eseguire gli scripts, i secondi invece sono disponibili comunque qualsiasi sia il browser dell'utente.
Di contro, i primi sono semplici da implementare e modificare, i secondi richiedono conoscenze informatiche precise che esulano anche dalla realizzazione delle pagine web (produzione e gestione di database, realizzazione di scripts particolari, interfacciamento tra pagina web e database, ecc.).
Una raccolta di JavaScript e DHTML sono disponibili presso JavaScript Kit, JavaScript Internet, Hot Scripts, Dynamic Drive ed altri.
Risorse di scripts lato server (PHP, ASP, ASP.net, Perl, CGI) sono disponibili in rete a svariati indirizzi.

Leggere e Rileggere

Quando si producono pagine web ed al loro interno si riversano pensieri, concetti, opinioni, racconti e quant'altro di testuale, è bene non dimenticare mai di scrivere prima su carta, leggere accuratamente ad alta voce cosa si è scritto. Quindi lo si digita nella pagina apposita e lo si rilegge ad alta voce in modo da stabilire oltre che la correttezza della grammatica e l'assenza di errori di ortografia, anche la fluidità dei concetti e la chiarezza espositiva.
Passati 3 o 4 giorni si rilegge la pagina e si controlla che tutto corrisponda agli obiettivi prefissati, altrimenti si apporteranno le dovute modifiche.

Guardarsi in giro

Quello che hanno fatto gli altri può esserci di incommensurabile aiuto ed è obbligatorio viaggiare in rete a vedere quello che altri sono riusciti ad ottenere con i loro siti.
Sarebbe importante dare una guardata al codice delle pagine che sono piaciute di più e osservare come sono state realizzate. E' bene fare paragoni osservando velocità di visualizzazione, completezza e usabilità, gradevolezza, ordine, colori e tutto quello che si desidera implementare nelle pagine in progettazione e realizzazione.

Indice | Successiva >>

Linux Guide | Torna in alto