*Linux Guide - Cambiare Unity

Cambiare Unity

Unity è orribile! Cosa posso fare?
Articolo originale
Quello che si sente oggi al riguardo di Ubuntu 11.04 con Unity quale interfaccia grafica, è un misto di rabbia, delusione e ottusità.
Alcuni dicono che sia inusabile, altri dicono che il launcher non è pratico. E' una interfaccia con la quale non tutti gli utenti riescono a rapportarsi.

1. Ci sono delle soluzioni

La prima è quella di passare semplicemente al desktop Gnome classico, cambiando sessione di Ubuntu.
Cambiare da Unity a Classic è semplice come avviare il computer, selezionate il vostro nome al login, spostate il puntatore del mouse in basso e scegliete la sessione Ubuntu Classic dal gestore di sessione, poi digitate la vostra password e premete INVIO.

*

Usare Ubuntu Classic cambierà il modo di funzionare della taskbar e rimuoverà il pannello delle Applicazioni, ma avrete un menù unificato per tutte le finestre che cambieranno dinamicamente, in base alla finestra attualmente attiva. Una volta fatto ciò, Ubuntu Classic rimarrà il vostro desktop predefinito fino a che non lo cambierete con un altro.

Tutte le altre opzioni per passare da Unity ad un'altra shell, comportano la installazione di software.

2. Una misura drastica: Cambiare distro

Un metodo drastico è quello di cancellare Ubuntu dal vostro disco e poi scaricare e installare un'altra distribuzione basata su Ubuntu che usi shell differenti come:

Una misura meno cattiva è quella di lasciare Unity e di installare altri desktop accanto ad esso.
La questione è quale sia la via più facile per installare altri desktop environments?

3. Metapacchetti

Il software per Linux tende ad essere installato come pacchetto. I metapacchetti fanno riferimento ad un elenco di pacchetti che fungono da dipendenze. Installare un metapacchetto indica al gestore dei pacchetti - Synaptic o Aptitude - di installare un elenco di pacchetti di "dipendenze" indicato dal metapacchetto.  Per esempio installare il metapacchetto targato "kubuntu-desktop" non installa un pacchetto chiamato "kubuntu-desktop", ma una serie di pacchetti da cui dipende il Desktop Kubuntu per funzionare a dovere.
La repository di Ubuntu raccoglie molti metapacchetti di desktop environment, desktop shell e window manager.
Potete trovare questi metapacchetti aprendo il vostro gestore di pacchetti preferito e cercare il desktop che più vi piace, come:

  • kubuntu-desktop
  • kubuntu-desktop-full
  • edubuntu-desktop
  • lubuntu-desktop
  • xubuntu-desktop
  • fluxbox
Tuttavia non tutti questi metapacchetti installano un ambiente desktop completo.

La seconda opzione riguardante i metapacchetti è di installare un installatore di metapacchetti chiamato Tasksel, con il seguente comando da terminale:

sudo apt-get install tasksel

Tasksel è avviabile con il comando:

sudo tasksel

Tasksel può installare molti ambienti desktop con più successo rispetto alla installazione attraverso il gestore di pacchetti di Ubuntu.

Il fatto che i metapacchetti di Tasksel siano più completi, non lo rende automaticamente in grado di rimuovere i desktop installati. Per farlo è meglio tornare a Synaptic.
Non va poi dimenticato che l'installazione di metapacchetti relativi ad ambienti desktop diversi, provoca la installazione anche di molti altri pacchetti software che non vengono totalmente rimossi al momento della disinstallazione degli ambienti desktop indesiderati.

I casi in cui un metapacchetto può essere rimosso comprende:
  • l'abilitazione di un altro pacchetto che va in conflitto con quelli installati
  • l'abilitazione alla rimozione di un pacchetto installato come dipendenza
  • qualsiasi altra ragione per la quale è necessario rimuoverlo

I metapacchetti sono talvolta aggiornati per includere nuove dipendenze o per rimuovere quelle vecchie non più necessarie.
Sfortunatamente la rimozione di un metapacchetto causerà un mancato aggiornamento dello stesso da parte del vostro gestore dei pacchetti. La rimozione di un metapacchetto deve essere effettuata solo se sia strettamente necessario.

Maggiori informazioni sui metapacchetti sono reperibili qui.

4. Installare i pacchetti individualmente

Potete usare l'elenco delle dipendenze accennate sopra e relative ad un metapacchetto, per creare una singola istruzione da terminale per la installazione manuale delle sole componenti richieste dal vostro ambiente desktop preferito.
La selezione manuale evita l'installazione di un metapacchetto e fornisce una ottima opportunità di installare solamente ciò che vi serve. I componenti installati verranno ugualmente sottoposti agli aggiornamenti, ma sarete costretti ad installare separatamente tutto quello che vorrete e che fa parte del desktop di vostra scelta.

Ma quali pacchetti vanno installati?
Trovare i pacchetti che vengono installati da un metapacchetto è molto semplice. Andate in:

/var/lib/dpkg/

quindi aprite il file chiamato "available" in un editor di testo. Non dovete modificarlo. Per quello che dovete fare, basta leggerlo.
Un altro modo per accedere al file è di inserire questo comando in un Terminale:

gedit /var/lib/dpkg/available

Sostituite "gedit" con il nome dell'editor di testo preferito.

Il file "available" elenca tutto il software, disponibile per il download, dalle repositories segnalate al vostro sistema (le repositories sono spesso elencate in sources.list).
Cercate il file "available" per il metapacchetto che riguarda il desktop environment che volete installare. Ecco l'elenco di quello che riguarda "kubuntu-desktop"

Package: kubuntu-desktop
Priority: optional
Section: metapackages
Installed-Size: 56
Maintainer: Kubuntu Developers <kubuntu-devel@lists.ubuntu.com>
Architecture: i386
Source: kubuntu-meta
Version: 1.222
Depends: alsa-base, alsa-utils, anacron, ark, bc, ca-certificates, cups, cups-bsd, cups-client, dc, dolphin, foomatic-db-compressed-ppds, foomatic-filters, genisoimage, ghostscript-x, inputattach, kde-window-manager, kde-zeroconf, kdebase-workspace-bin, kdemultimedia-kio-plugins, kdepasswd, kdm, khelpcenter4, klipper, kmix, konsole, ksnapshot, ksysguard, kubuntu-netbook-default-settings, language-selector-kde, lftp, libpam-ck-connector, libsasl2-modules, libxp6, nvidia-common, okular, openprinting-ppds, phonon-backend-gstreamer, plasma-desktop, plasma-netbook, pnm2ppa, rfkill, smbclient, software-properties-kde, systemsettings, ttf-dejavu-core, ttf-freefont, ubuntu-extras-keyring, unzip, wireless-tools, wpasupplicant, x-ttcidfont-conf, xdg-user-dirs, xkb-data, xorg, zip
Recommends: acpi-support, akregator, amarok, appmenu-gtk, apport-kde, apturl-kde, avahi-autoipd, avahi-daemon, bluedevil, bluez, bluez-alsa, bluez-cups, brltty, cdrdao, cryptsetup, dragonplayer, foo2zjs, gdebi-kde, gnupg-agent, gpgsm, gtk2-engines-oxygen, gwenview, hplip, ibus-qt4, im-switch, jockey-kde, k3b, kaddressbook, kamera, kate, kcalc, kde-config-gtk, kde-config-touchpad, kdegraphics-strigi-plugins, kdenetwork-filesharing, kdepim-kresources, kdepim-runtime, kdepim-strigi-plugins, kdepim-wizards, kdesudo, kerneloops-daemon, kmag, kmail, kmousetool, knotes, kontact, kopete, korganizer, kpackagekit, kpat, kppp, krdc, krfb, ksystemlog, ktimetracker, ktorrent, kubuntu-default-settings, kubuntu-docs, kubuntu-firefox-installer, kubuntu-konqueror-shortcuts, kubuntu-notification-helper, kvkbd, kwalletmanager, laptop-detect, libnss-mdns, libqca2-plugin-ossl, libreoffice-calc, libreoffice-impress, libreoffice-kde, libreoffice-style-oxygen, libreoffice-writer, min12xxw, mobile-broadband-provider-info, nepomukcontroller, network-manager-pptp-kde, okular-extra-backends, oxygen-cursor-theme, oxygen-icon-theme, oxygen-icon-theme-complete, partitionmanager, pcmciautils, pinentry-qt4, plasma-widget-facebook, plasma-widget-folderview, plasma-widget-kimpanel, plasma-widget-menubar, plasma-widget-message-indicator, plasma-widget-networkmanagement, plasma-widget-quickaccess, plasma-widgets-addons, plymouth-theme-kubuntu-logo, plymouth-theme-kubuntu-text, policykit-desktop-privileges, printer-applet, pulseaudio, pulseaudio-module-bluetooth, pxljr, quassel, rdesktop, rekonq, splix, system-config-printer-kde, ttf-indic-fonts-core, ttf-kacst-one, ttf-khmeros-core, ttf-lao, ttf-liberation, ttf-punjabi-fonts, ttf-takao-pgothic, ttf-thai-tlwg, ttf-ubuntu-font-family, ttf-unfonts-core, ttf-wqy-microhei, udisks, upower, usb-creator-kde, userconfig, xcursor-themes, xdg-utils
Size: 3758
Description: Kubuntu Plasma Desktop/Netbook system
This package depends on all of the packages in the Kubuntu desktop system.
Installing this package will include the default Kubuntu Plasma Desktop or
Netbook installation.
.
It is safe to remove this package if some of the desktop system packages are
not desired.

Avete visto dove è scritto "Depends" e "Recommends"? Si trovano tra "Version: 1.222" e "Size: 3758". Tutte le voci comprese tra le virgole scritte dopo "Depends:" e "Recommends:" sono installate dal metapacchetto kubuntu-desktop. Potete installarle senza bisogno del metapacchetto, digitando in un Terminale.

sudo apt-get install

seguito dall'elenco dei pacchetti che volete installare. Non includete le virgole. Includete i pacchetti separati da uno spazio come nel seguente esempio:

sudo apt-get install alsa-base alsa-utils anacron ark bc ca-certificates cups cups-bsd

5. Aggiungere repositories aggiornate e Backports

La maggior parte delle distribuzioni Ubuntu hanno le proprie Personal Package Archives (PPA) presso Launchpad. Queste particolari repositories PPA sono quelle dove vengono inseriti i pacchetti sperimentali e beta. Usare queste PPA potrebbe rendere inusabile temporaneamente il vostro sistema o farlo a carico di qualche sua componente.
Ecco le repositories PPA per Kubuntu, Lubuntu, Xubuntu and GNOME3

  • Kubuntu Repository

    sudo add-apt-repository ppa:kubuntu-ppa/ppa

    e

    sudo add-apt-repository ppa:kubuntu-ppa/backports

  • Lubuntu Repository

    sudo add-apt-repository ppa:lubuntu-desktop/ppa

  • Xubuntu Repository

    sudo add-apt-repository ppa:xubuntu-team/ppa

  • GNOME3

    sudo add-apt-repository ppa:gnome3-team/gnome3

Aggiornate il vostro elenco pacchetti ed il sistema, dopo l'aggiunta delle repositories di cui sopra, con i comandi:

sudo apt-get update

sudo apt-get upgrade

sudo apt-get dist-upgrade

Aggiungere GNOME3 rimuoverà Unity. Non lo si può evitare.

6. Riconfigurare GDM, KDM o LXDM

Dopo aver installato un nuovo desktop environment, potreste scoprire che il vostro sistema ci mente un sacco di tempo per essere caricato o che i programmi ci mettano molto tempo per avviarsi. Il desktop manager GDM è leggermente più veloce di KDM. Per questa ragione sembra ragionevole riconfigurare il display manager per l'uso di GDM, dopo la installazione di un metapacchetto per ambiente desktop.
Per farlo impartite questo comando da Terminale:

sudo dpkg-reconfigure gdm

La riconfigurazione di GDM, KDM o LXDM potrebbe causare qualche problema al login. Se avete più di un desktop manager installato e quello di default dovesse non funzionare, potete tornare alla riga di comando e riconfigurare Ubuntu per l'uso di un diverso desktop manager.

7. Links aggiuntivi

Potreste trovare utili le seguenti fonti.

***

Indice | Torna in alto